Ma chi sono Pagliari, Ripa e Paoletti

Nell’isolato tra corso d’Italia, via Alessandria e via Bergamo, ci sono tre stradine convergenti: via Cesare Paoletti, via Giacomo Pagliari e via Andrea Ripa. Dall’altra parte di corso d’Italia, la stretta strada che porta a via Piave si chiama via Augusto Valenziani.

Ma siamo in un quartiere in cui tutta la toponomastica è concentrata sulle città italiane e le domande che nascono sono: chi sono costoro a cui si è deciso di dedicare una via? Perchè qui?

Per avere la risposta basta andare al cosiddetto Mausoleo di Santa Costanza (figlia di Costantino mai santificata da nessuno) e leggerla sulla stele che ricorda i 49 caduti italiani nella breve battaglia che si svolge il 20 settembre 1870 intorno alla breccia di Porta Pia. Questi quattro personaggi infatti sono tutti morti con valore nell’assalto alla breccia aperta nella mura dai cannoni italiani:

  • Giacomo Pagliari da Cremona, maggiore, comandante del 34º battaglione Bersaglieri
  • Andrea Alarico Ripa di Rimini, capitano,  comandante della 2° Compagnia del 12° Brigata Bersaglieri. Il capitano è alla testa dei suoi uomini e cade sotto i colpi dei zuavi pontifici. Per questo suo sacrificio sarà insignito di medaglia d’argento.
  • Giulio Cesare Paoletti, giovane artigliere fiorentino (luogotenente del 7° artiglieria), sepolto alle Porte Sante, il cimitero monumentale intorno alla basilica di San Miniato al Monte.
  • Augusto Valenzani,  luogotenente, volontario romano del 40° Fanteria  bersaglieri.

Valenziani era nato nel 1832 e, forse come cameriere segreto, aveva fatto parte della corte papale. Giovanissimo si arruola nella difesa della Repubblica Romana e successivamente partecipa alla III Guerra d’Indipendenza. A Porta Pia, è uno dei primi ufficiali del reggimento a superare la barricata esterna, ansioso anche di riabbracciare, dopo tanti anni, la vecchia madre. Muore per la fucilata di uno zuavo pontifico. Pietro Cossa gli dedica una toccante lirica. Il suo busto sul Gianicolo è opera dello scultore Publio Morbiducci (1920), artista romano noto per il monumento del Bersagliere a Porta Pia.

Andrea Ripa e Augusto Valenziani li ritroviamo, con Cesare Bosi, capitano nel 39° Fanteria, al Verano nel monumento ai tre caduti per la liberazione di Roma di Giovanni Jacobucci (1895-1970), lo stesso autore del Mausoleo Ossario Garibaldino al Gianicolo, ubicato nel riquadro 109 del viale Monumento ai caduti. E’ un trittico in travertino e marmo bianco ed è stato eretto nel 1941 dal Governatorato in occasione della traslazione delle loro spoglie al Mausoleo Ossario Garibaldino.

MAPPA SALARIO 1 (Zona da corso d’Italia a Villa Albani)

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori informazioni puoi consultare la legge per i cookies

Chiudi