In giro per la Sapienza. Passeggiata Roma2pass nella Città Universitaria

Mercoledì 17 alle ore 17:00, il prof. Giorgio Ciucci, accademico di San Luca e amico di AMUSE, ci accompagna in una passeggiata Roma2pass alla scoperta della sede della prima università romana.
Vai alla pagina dell’evento. Lì, se vorrai, potrai prenotare e vedere il luogo dell’appuntamento.

La Città Universitaria occupa un’area di 22 ettari tra Castro Pretorio e la via Tiburtina. La sua collocazione doveva anche servire a chiudere il quartiere San Lorenzo, anarchico e antifascista, già bloccato dal Cimitero del Verano a est e dal fascio ferroviario a sud-ovest e sud. Questo quartiere infatti è l’unico che si era opposto alla marcia su Roma del 1922 e deve essere punito. Oggi il Quartiere San Lorenzo trae dalla vicinanza dell’Università la sua vita culturale, sociale ed economica.
Nel 1932 Marcello Piacentini ottiene l’incarico di redigere il Piano Generale del nuovo Ateneo e di dirigerne i lavori e chiama intorno a se sia una serie di giovani architetti “razionalisti” (Giuseppe Pagano, Giovanni Michelucci, Gio Ponti, Giuseppe Capponi, Piero Aschieri), sia alcuni “accademici” (Gaetano Rapisardi, Arnaldo Foschini) con l’obiettivo di impostare un lavoro di gruppo da cui far scaturire, grazie alla sua forte capacità di mediatore, risultati significativi.
Lo schema planimetrico prevede un impianto “basilicale”, con un percorso principale in asse con una grande piazza che ripropone, nelle dimensioni, le proporzioni del Circo Agonale di piazza Navona e, nella forma, lo spazio classico del Foro. La distribuzione degli edifici è rigorosamente, simmetrica, mentre più libera è l’articolazione dei volumi. I singoli progetti subiscono modifiche significative in fase di realizzazione, nel tentativo di uniformare al massimo gli edifici tra di loro ed eliminare gli elementi più dichiaratamente monumentali.
Vieni con noi e guarderai con occhi nuovi un luogo vissuto nel passato da molti di noi.

L’evento è riservato a coloro che si iscrivono ad AMUSE e ai Soci, è gratuito e dura circa novanta minuti. La prenotazione è obbligatoria, anche per poter essere avvertiti di ogni eventuale variazione sul programma.
Vai alla pagina dell’evento. Lì, se vorrai, potrai prenotare e vedere il luogo dell’appuntamento.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *