Roma2pass fa una puntata nella pop art italiana

Mercoledì 14 giugno alle 18:00 saremo ospiti di Azimut Capital Management in via Flaminia 133 per visitare la mostra “Tano Festa e gli amici di piazza del Popolo” che vede protagonista il gruppo degli artisti romani della cosiddetta Pop Art italiana.

Vai alla pagina dell’evento. Lì, se vorrai, potrai prenotare e vedere il luogo dell’appuntamento.

Con l’aiuto d un esperto, vedremo opere di Festa, Mario Schifano, Franco Angeli, Giosetta Fioroni e Renato Mambor, 30 tele e sculture eseguite negli anni Sessanta che, tra influenze Neo-Dada e richiami Neo-oggettuali, che testimoniano quella che è stata la via italiana alla pop-art.

Il percorso espositivo della parte monografica si sviluppa dall’iniziale astrattismo geometrico o basato sul monocromo con opere come “A Raffaele” di Tano Festa del 1960, fino al periodo nel quale l’inclusione di elementi nel quadro inizia a scandirne la spazialità (“Via Veneto”, sempre di Tano Festa del 1962). Seguono poi i quadri-oggetto come “Persiana” del 1962, “specchio” del 1953, e il recupero figurativo nel nuovo motivo iconografico del cielo, (Senza Titolo del 1965), “Studio Per Cielo Meccanico”, 1965, e “La Grande Nuvola” ancora del 1965. Su questo tema sono presenti in mostra anche le sculture seriali basate sul negativo e positivo fotografico, come “Monumento Per Un Poeta Morto” del 1968, mentre il recupero di analisi del rapporto quadro cornice (tema già caro a Giacomo Balla) è testimoniato da “Gli Amici Del Cuore”, uno splendido smalto su tela, infine di Tano Festa si possono ammirare anche le celebri riletture delle icone dell’arte rinascimentale tratte da Michelangelo: spicca su tutte “11 Peccato Originale” del 1969.

Ma c’è spazio anche per le tele con inserti oggettuali come “Il percorso dell’acqua”,1969, e “Paesaggio Con Maniglia”, sempre dello stesso anno. L’esposizione intende perciò seguire l’ispirazione di Tano Festa negli anni Sessanta mostrandone la poetica personale e collocandola accanto alle opere degli altri artisti pop italiani di quegli anni. Tra le altre opere esposte nei vari percorsi, quelle di Giosetta Fioroni e Renato Mambor mentre Mario Schifano è presente con due lavori, uno dei quali è “En Plein Air” del 1964.

Sarà cura infine degli esperti Roma2pass contestualizzare la scuola di piazza del popolo in un flusso continua di artisti che da secoli vivono e lavorano prima a Campo Marzio, a via Margutta, nel quartiere dell’Oca e successivamente nell’area “fuori Porta del Popolo, a partire dal mecenatismo di Alfred Strohl Fern.

Vai alla pagina dell’evento. Lì, se vorrai, potrai prenotare e vedere il luogo dell’appuntamento.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *