Roma2pass nel cuore di villa Ada Savoia

Sabato 16 giugno alle 10:00, partendo dall’ingresso carrabile di via Salaria 263, faremo una passeggiata nel cuore di Villa Ada alla scoperta della storia millenaria dell’area su cui sorge e dei numerosi edifici che punteggiano il parco: la Palazzina Reale, il Casino Pallavicini, il Tempio di Flora, la Casa delle Cavalli Madri, le scuderie e tanti altri.

Per prenotare vai alla pagina dell’evento

Nel bosco troveremo le tracce dell’antico giardino ottocentesco, con fontane, ponticelli, laghetti oggi difficilmente visibili nella vegetazione, e il bunker realizzato per la famiglia reale. Percorrendo la storia della Villa e vedendo i diversi luoghi, capiremo perché l’apertura di questo grande parco pubblico è stata così travagliata e perché molti  edifici al suo interno sono privati e inaccessibili.

Durante la passeggiata percorriamo anche sentieri in terra battuta con alcuni tratti in pendenza, quindi è opportuno indossare un abbigliamento comodo e scarpe chiuse con suole in gomma (vanno bene le classiche scarpe da ginnastica).

Taggato . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

2 risposte a Roma2pass nel cuore di villa Ada Savoia

  1. Corrado Iannucci dice:

    Per completezza della conoscenza della storia del nostro quartiere: dopo l’8 settembre 1943, a Roma restavano due membri della famiglia Savoia (gli altri avevano seguito il Re a Bari): il generale Calvi di Bergolo (marito di Jolanda di Savoia) e Mafalda di Savoia (moglie di un principe tedesco). Entrambi furono arrestati e deportati al nord dai tedeschi il 23 settembre; Mafalda morì detenuta a Buchenwald nell’agosto 1944. Quindi, non è esatto parlare di un uso del bunker a villa Ada “sotto la mira dei bombardieri americani” nel 1944 da parte della famiglia reale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *