Roma2pass a Villa Giulia, il paradiso di Giulio III, papa toscano

Martedì 28 maggio alle 17:00 Conferenza della dott.ssa Carla Benocci sul mondo nuovo creato da papa Giulio III, sulla riva sinistra del Tevere, in un confronto sconcertante tra Villa Giulia e Villa Madama sulla riva destra.
Per saperne di più Pagina dell’evento  

Fedele seguace dei papi Medici, il papa Giulio III individua la possibilità di delineare un mondo nuovo basato sulla giustizia e sull’abbondanza, sulla virtù pubblica, che non si mescola con il potere che corrompe, come l’Acqua Vergine. Il vino e l’uva, di matrice evangelica, divengono due elementi portanti di questa visione, sia messi a coltura e sistemati in magnifiche pergole che conducono dall’approdo sul Tevere all’emiciclo d’ingresso del Casino della villa, sia prodotti per un reddito appropriato a garantire il completamento – rapidissimo – della costruzione, sotto il controllo dell’anziano ma sempre “dominus” Michelangelo. Oltre ai minuziosi documenti e alla descrizione autocelebrativa dell’Amamnnati, sono le pitture dell’emiciclo che illustrano il paradiso papale, con uva, rose, gelsomini, canne e ammiccanti satirelli e puttini. La vocazione toscana del papa lascia un segno: la vicina Villa Tre Madonne, sede dell’attuale ambasciata del Belgio e primo nucleo della villa, mantiene nel giardino e nelle pitture questa vocazione ambientale e Adolfo Cozza, nell’Italia appena unita, sceglie questo luogo per il primo museo etrusco italiano, ancora in situ.

La conferenza è tenuta dalla dott.ssa Carla Benocci, è organizzata da Roma2pass nell’ambito del ciclo di conferenze su Villa Giulia e il territorio intorno iniziato nel 2018 e si svolge nella Sala della Fortuna del Museo Nazionale Etrusco. AMUSE ringrazia la dott.ssa Carla Benocci e il Museo Nazionale Etrusco.

La durata è di circa 90 minuti.  La partecipazione è gratuita.
L’evento è aperto a tutti,  fino a esaurimento posti.
I Soci AMUSE possono quindi invitare amici interessati alle iniziative Roma2pass.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi