Cimitero Maggiore

In via Asmara, di fronte a villa Anziani a pochi passi da Via Nomentana, c’è una piccola costruzione con una porticina in ferro. Di lì si accede al Cimitero Maggiore o Coemeterium Majus, che si estende sotto villa Leopardi. Il cimitero è chiamato Maggiore, secondo Orazio Marucchi, per essere il primo da collegare alle origini del cristianesimo a Roma.

L’antico cimitero è organizzato su più livelli e, secondo la tradizione, accoglieva i resti dei martiri Vittore, Alessandro, Felice, Papia e Mauro. Fu oggetto di scavi da parte della Pontificia Commissione di Archeologia rivelando, tra l’altro, affreschi, decorazioni architettoniche ed una galleria di collegamento con il cimitero di S.Agnese.

L’area sepolcrale, sorta nel 111 secolo d C., è costituita da una vasta serie di gallerie su due livelli, è caratterizzata da numerosi cubicoli che presentano cattedre, modanature, mensole e nicchie intagliate con maestria nel tufo. Frequente è la decorazione pittorica che presenta, oltre ai temi del repertorio cristiano, la scena della conversione di Papia e Mauro nell’arcosolio di Zosime, una raffigurazione della parabola delle vergini sagge e delle vergini stolte e una rara scena di prostratio, che mostra due defunti in adorazione di una santa, forse Santa Emerenziana. Di particolare interesse è una figura femminile, velata in atteggiamento orante con un bambino, da identificare con la Madonna.

Nel cimitero è stata rinvenuta una serie di iscrizioni del 111 secolo d.C., caratterizzate da un tipo particolare di grafia incisa su lastre di marmo, detta “ostriana”.

Fin dal Medioevo la zona è adibita ad attività agricole e per quasi tutto il sec. XIX è occupata solo da alcune modeste costruzioni rurali. In particolare, nell’Ottocento, sopra il Coemeterium Maius si estendono vigne di proprietà dei Padri di Santa Maria del Popolo che sono acquistate verso il 1886 dalla famiglia Leopardi Dittaiuti, nobiltà terriera delle Marche, imparentata con il poeta di Recanati, che crearono Villa Leopardi.

Mappa Trieste 5 (zona Quartiere Africano)

I commenti sono chiusi