Fassi

L’antico Caffè Fassi detto ” gelateria Fassi”, apre nel 1933 in corso d’Italia nei pressi di piazza Fiume, al piano terra di villa Calderai, a fianco al palazzo de La Rinascente.

MAPPA PINCIANO 1 della Zona Pinciano 1 (da via Salaria a via Pinciana)

L’attività, è stata chiusa nel 1989, in seguito allo sfratto operato dai principi Torlonia proprietari del villino. Successivamente ha riaperto un bar Fassi in un locale all’angolo del villino completamente restaurato.

La prima proprietaria dell’azien­da è stata Annunziata Fassi che ha ceduto la proprietà al figlio, a sua volta ritiratosi. Nel caffè, in molti passavano intere giornate a giocare agli scacchi. Molti Pittori e artisti prima della guerra passavano le ore lì.

La gestione com­prendeva anche un albergo in un puro stile Liberty, quasi un tea­tro di posa. Il caffè e l’albergo infatti sono stati sfondo di numerosi film, di registi quali Lina Vertmuller, o per film come “C’era una volta in America”, in una scena con Robert de Niro. Marcello Mastroanni vi ha girato una scena del film: “Il fu Mattia Pascal”, ma vi sono passati anche Vittorio Gassman, Laura Antonelli, Carlo Verdone, e tanti altri.

Negi anni ’60 il caffè ospitava una pista da ballo ed un’orchestra, diventando così uno dei primi luoghi di aggregazione anche per i giovani, fino ad allo­ra rintanati nelle cantine o nei salotti dei più agiati.

Oggi, la tradizione continua in un altro luogo, nel Bar Fassino, gestito da Cristina Fassi, bis-nipote di Annunziata, in via Bergamo 24. In un ambientazione che sembra uscita da altri tempi e che richiama lo stile liberty, un bancone illuminato con torte esposte su alzate come nella migliore tradizione pasticcera, ma anche cioccolata calda, gelati, crepes e piccole prelibatezze dolci e salate. La qualità delle preparazioni e discreta e si può consumare tutto seduti ai tavolini, con una saletta riservata sul retro.

Mappa Pinciano 1 (Zona da via Salaria a via Pinciana)

I commenti sono chiusi