Ninfeo di Villa Giulia

Il cosiddetto Ninfeo di Villa Giulia

“In questo medesimo piano vi son due belle loggette, l’una all’incontro dell’altra, e riccamente ornate di stucchi con figure e festoni a bellissime foggie … Ed in ciascuna facciata di questa loggia vi è un nicchio grande in mezzo a due piccoli: nel grande, Ercole; negli altri Mercurio e Perseo. Vi sono all’incontro tre altri nicchi simili a questi: nel maggiore, Cerere: negli altri Apollo e Giacinto. All’incontro dell’entrata, nel grande vi è Venere, ne’ piccoli Adone e Cupido”. Dalla lettera di Bartolomeo Ammannati a Messer Marco Mantova Bonavides in Padova. Roma 2 maggio 1555

dafare

I commenti sono chiusi