Le Passeggiate Roma2pass nel 1° trimestre

Per prenotarti fai Log-in (o registrati se non lo hai ancora fatto), vai alla pagina dell’evento e clicca sul pulsante “Invia la tua prenotazione”. Il gioco è fatto.
Se è la prima volta che ti prenoti in una Passeggiata Roma2pass e vuoi far prima, inserisci la tua E-mail e clicca su “Invia la tua prenotazione”. Il sistema ti registrerà automaticamente.

Di solito le passeggiate sono gratuite e riservate ai Soci AMUSE vecchi e nuovi. Se desideri aderire, dopo aver prenotato, compila il Modulo online di Adesione, pagherai prima dell’inizio della Passeggiata la quota annuale di € 15.

Le pagine di tutti gli eventi

 

Un passaggio sotterraneo sotto i Monti Parioli?

É vero che esiste un passaggio sotterraneo sotto i monti Parioli?

Salendo viale delle Belle Arti, dopo l’incrocio con viale Bruno Buozzi, si scorge sulla sinistra un arco bugnato, al quale si accede percorrendo una breve scalinata di marmo.

Nonostante le dimensioni piuttosto grandi, è ignorato da chi transita da queste parti. L’arco è chiuso da una fitta cancellata e custodisce una piccola cappella dipinta di azzurro dedicata alla Madonna dell’Arco Oscuro.
Una storia, probabilmente vera, racconta di come la piccola cappella nasconde l’ingresso di un misterioso passaggio sotterraneo che penetra sotto i monti Parioli fino alle grotte, ancora visibili sulla parete rocciosa tra viale Tiziano e viale Maresciallo Pilsudski.

Un’altra versione, meno credibile, della storia fa arrivare il tunnel addirittura fino alla fonte dell’acqua Acetosa. In entrambi i casi, ci sarebbe un collegamento con le vicine catacombe di San Valentino, nascoste sotto il monte, con ingresso da viale Maresciallo Pilsudski, al civico 2.
Il nome Arco Oscuro, in realtà, non si riferisce all’arco in questione ma a un altro, oggi andato perduto, situato lungo un piccolo sentiero, che dalla via Flaminia saliva per i monti Parioli.
Si chiamava vicolo dell’Arco oscuro e corrispondeva più o meno all’attuale via dei Monti Parioli.

Il diavolo nel quartiere Africano?

Un’enigmatica piazza si nasconde tra i palazzi del quartiere Africano. Da qualche anno ha preso il nome di piazza Elio Callistio. Ma, nonostante le targhe stradali cambiate, per molti romani è rimasta piazza della Sedia del Diavolo.

Il nome poco rassicurante deriva dal rudere che svetta nel bel mezzo della piazza, ormai circondato e oppresso da palazzoni di nove piani.

Continue reading

Ma chi sono Pagliari, Ripa e Paoletti

Nell’isolato tra corso d’Italia, via Alessandria e via Bergamo, ci sono tre stradine convergenti: via Cesare Paoletti, via Giacomo Pagliari e via Andrea Ripa. Dall’altra parte di corso d’Italia, la stretta strada che porta a via Piave si chiama via Augusto Valenziani.

Ma siamo in un quartiere in cui tutta la toponomastica è concentrata sulle città italiane e le domande che nascono sono: chi sono costoro a cui si è deciso di dedicare una via? Perchè qui? Continue reading

Una stele nella Stazione Tiburtina

no4-stele-di-cavourAll’ingresso della Stazione Tiburtina sulla circonvallazione Nomentana c’è una grande stele dedicata a Camillo Benso conte di Cavour. E’ un’installazione commemorativa costituita da in due grandi campi in cui sono riportati due scritti dell’uomo politico piemontese.
Vai alla pagina Stele di Cavour.

Anno nuovo sito nuovo

lgg-sito-web-in-costruzioneCon il 2017, Roma2pass si presenta con un sito totalmente rinnovato.
Www.roma2pass.it è oggi un giornale che presenta le passeggiate e altri eventi culturali nel Municipio Il. Un giornale però in cui tutti i lettori possono commentare le notizie e aggiungerne nuove.
Totalmente nuovo è poi il sistema di prenotazione alle passeggiate e agli altri eventi. Senza bisogno di andare a consultare alcunché, una mail informa ciascuno che la sua prenotazione è stata registrata e un’altra mail, successiva, lo informa che è stata accettata. Continue reading

In via Flaminia c’è una fontana che cammina

Abbeveratoio di papa Giulio 2Nel primo tratto di via Flaminia da Porta del Popolo a Belle Arti, tra i civici 122 e 158,  c’è una vecchia fontana appoggiata ad un moderno muro di cemento, sormontata da una pianta rampicante e seminascosta da una sfilata di cassonetti. E’ costituita da un mascherone antico, poggiato su una valva di conchiglia, che getta acqua in una bella vasca termale romana ornata da due maniglioni.
Il posizionamento della fontana tra la sede del Consiglio dei Notai di Roma (Studio Fortuny) e il Palazzo della Cassa del Notariato, è recente. Continue reading

Dove sono le porte del Castro Pretorio?

Il Castro Pretorio era l’accampamento militare permanente della guardia pretoriana, fatto edificare dall’imperatore Tiberio fuori dalla città, nell’anno 20. Costruito come un classico accampamento romano, di forma rettangolare, era difeso da mura e tagliato da due strade ortogonali, che s’incrociavano al centro, il Cardine e il Decumano, che fuoriuscivano dalle mura attraverso quattro porte.  Continue reading

Il Pincio: la canzone del cielo

pi2-pincio-la-terrazzaSabato 4 marzo un esperto del Dipartimento Tutele dell’Ambiente del Comune di Roma ci porterà in una Passeggiata storico-botanica al Pincio.
Una tranquilla e rilassante passeggiata su questo altipiano romano in cui sorge il giardini del Pincio, il primo parco pubblico romano, nato grazie all’occupazione napoleonica. Un parco famoso per il panorama su Roma, pieno di fontane e busti di illustri italiani ma anche di piante, nostrane ed esotiche degne di essere conosciute.
Vai alla pagina dell’evento dove potrai prenotarti. Continue reading

Ma è una stazione o un ponte sulla ferrovia?

no4-stazione-tiburtina-interniLa Stazione Tiburtina – Alta Velocità di Roma è sul piazzale della Stazione Tiburtina, vicino la via Tiburtina, sotto il viadotto della Tangenziale Est, ormai non più utilizzato per lo scorrimento veloce, tra la circonvallazione Nomentana e la circonvallazione Tiburtina. Continue reading