Palazzo in Piazza Perin del Vaga 4

Il grande palazzo in piazza Perin del Vaga 4 occupa tutto l’isolato di piazza Perin del Vaga, via Giroamo Muziano, via Raffaele Stern, lungotevere Flaminio, via Masolino da Panicale.

Il palazzo è l’edificio centrale del complesso ICP Flaminio II e, in alto sull’entrata, presenta una fascia con la scritta ISTITUTO PER LE CASA POPOLARI che costruì il complesso.

Sulla destra dell’entrata, in basso, una lapide ricorda ai passanti che l’opera iniziò il 21 Aprile, Natale di Roma, di un Anno Santo: ALL’ACCRESCIUTA CERCHIA DELL’URBE / AI PIU’ NUMEROSI SUOI CITTADINI / L’ISTITUTO PER LE CASE POPOLARI / CON INESAUSTA FERVIDA FEDE / DI PIU’ VASTE OPERE / UN NUOVO INIZIO SERRANDO / PER LA MANO AUGUSTA / DI S.M. VITTORIO EMANUELE III / QUESTA PIETRA ANGOLARE PONEVA / MCMXXV NATALE DI ROMA / QUOD BONUM FAUSTUM FELIX / FORTUNATUMQUE SIT (che sia questo giorno buono, fausto, felice e fortunato)

Entrando nel cortile potete vedere il tipico giardino di una casa popolare in cui hanno abitato e abitano persone di diverso livello ed estrazione sociale. Sulla destra c’è un grande glicine, quella era casa  di Duilio Cambellotti, autore delle cancellate del palazzo, dove fino a qualche anno fa vivevano i suoi discendenti.

Nel cortile, un’associazione culturale ubicata nei locali dell’antico Lavatoio Contumaciale, da cui ha assunto emblematicamente il nome. Contumaciale, infatti, significa “a distanza” in quanto era un lavatoio esterno alle abitazioni a disposizione di tutti gli abitanti del palazzo.  L’interno del locale, ristrutturato nel ’74 su progetto dell’architetto Costantino Dardi, si presenta diviso in due ambienti divisi da un “muro/scultura”, dal quale è stato tratto l’attuale logo dell’associazione culturale.

Nei dintorni: Fontane dei Delfini, Villa Riccio, piazza Melozzo da Forlì,

Mappa Flaminio 2 (zona da Belle Arti a via Guido Reni)

I commenti sono chiusi