Palazzo Salviati

Palazzo Salviati è un palazzo in stile barocchetto romano su lungotevere Arnaldo da Brescia .. all’angolo con via Cesare Beccaria, prima del Palazzo Oderego Odescalchi.

Mappa Flaminio 1 (Zona da Porta del Popolo a Belle Arti)

Palazzo Salviati è stato costruito negli anni Dieci del Novecento acquistato e ristrutturato nel 1928 dai Salviati, proprietari del palazzo di Giulio Romano in via della Lungara che oggi ospita il Centro Studi Strategici Militari. Questa data è registrata nella Madonnella che protegge l’ingresso. Nel portone di accesso lo stemma di famiglia è sia sul pavimento che sulle pareti e le volte. In fondo al vialetto di accesso l’edificio che una volta ospitava le stalle.

L’ingresso del palazzo è contrassegnato dallo stemma di famiglia: sulla parete, sulla volta, sul pavimento. Il primo piano del palazzo ospitava il circolo degli Ambasciatori a riposo, oggi a palazzo Borghese. All’ultimo piano era l’ambasciata della Columbia, adesso ambasciata dell’Uruguay. Lì come ambasciatore colombiano abitò German Arciniegas (Bogotà 1900 – Bogotà 1999) giornalista, storico, uomo politico colombiano, grande studioso di Amerigo Vespucci che spesso Botero qui veniva a trovare.

Dietro palazzo Salviati, le rimesse delle carrozze e,costruita nel giardino del palazzo, una graziosa palazzina liberty in via Cesare Beccaria, è il Villino Briganti.

Nei dintorni: Palazzina Nebbiosi, Palazzo INPDAP,

I commenti sono chiusi