Porta Collina

La Porta Collina era una delle sedici porte che si aprivano nelle Mura Serviane. Probabilmente la porta era sotto l’attuale Palazzo delle Finanze, vicino all’angolo di via XX Settembre con via Goito.

Rione Castro Pretorio,  MAPPA della Zona Salario 1 (da corso d’Italia a via Savoia)

La Porta Collina era la porta che si apriva nel punto più alto delle Mura Serviane, a una quota più alta della città ma pianeggiante, al livello dell’Esquilino e del Quirinale. Il nome Collina deriva dall’antico nome del Quirinale, il più alto dei sette colli, ed è oggi rimasto nel nome della strada parallela di via Piave (via Collina). Resti delle mura sono ancora oggi visibili in via Antonio Salandra, all’incrocio con via Giosuè Carducci.

Porta Collina era sotto l’attuale Palazzo delle Finanze e da questa porta uscivano:

In epoca imperiale è realizzata la via Salaria Nova, che si diparte da Porta Collina e con un nuovo percorso sostanzialmente retttilineo raggiunge Ponte Salario. La nuova via corre lungo l’asse approssimativamente corrispondente all’attuale via Piave,

Nel marzo del 211 a.C. le sentinelle di guardia sulla cosiddetta Torre di Vigilia vicino Porta Collina, in una notte di tempo­rale, scorgo una pattuglia di cavalieri che si avvicina. E’ Annibale con i suoi più fidi compagni. Mentre le sentinelle danno l’allarme, Annibale si fa dare un giavellotto, avvolge la punta con uno straccio a cui da fuoco sfregando due pietre focaie che un arciere fidato teneva sempre sotto l’armatura per conservarle perfettamente asciutte, guarda con odio quelle mura, a lui nemiche da sempre, e lancia il dardo ac­ceso all’interno della città, urlando delle invettive. La tradizione vuole che il dardo cade in ter­reno spoglio riservato dai Romani al supplizio delle Vestali che avevano tradito il loro voto. Per questa ragione quel terreno era chiamato dal popolo “il campo scellerato”. Dopo quella notte, Annibale studia la campagna davanti a quelle mura per quasi cinque giorni; poi, rassegnato, torna alla sua base di partenza per poi proseguire il suo cammino verso sud. In aprile cade Capua ma il grande sogno di Anni­bale di conquistare Roma è ormai dissolto.

Quando Aureliano costruisce la nuova cinta muraria, esterna rispetto alle Mura Serviane, Porta Collina perde la sua importanza ed è sostituita da Porta Salaria (piazza Fiume), per la via Salaria, dalla Porta Nomentana (non Porta Pia che fu aperta molti secoli dopo) per la via omonima e da Porta Pinciana per la Salaria Vetus.

I commenti sono chiusi