Stazione Roma Nord della Ferrovie dello Stato

La stazione ferroviaria Roma Nord  della Ferrovie dello Stato sarebbe dovuta nascere nell’area dell’attuale Villaggio Olimpico.

MAPPA della Zona Flaminio 1 (da Porta del Popolo a Belle Arti)  

Sia il Piano regolatore del 1909 che il successivo del 1931 prevedono un nuovo ponte in corrispondenza dell’attuale largo Antonio Sarti. Ma mentre il primo prevede un grande viale approssimativamente corrispondente all’attuale via Cesare Fracassini che avrebbe dovuto costituire il naturale proseguimento di viale dei Parioli (l’attuale viale Maresciallo Pilsudski) e viale Tiziano verso piazza Mazzini e il futuro quartiere di piazza D’Armi (il quartiere delle Vittorie), il secondo prevede un viale in corrispondenza dell’attuale via Donatello che sarebbe dovuto passare a sinistra dello Stadio del Partito Nazionale Fascista e raccordarsi al grande viale proveniente da Ponte XXVIII Ottobre (l’attuale Ponte Flaminio) .

La realizzazione di questo viale causa la drastica revisione dei piani di costruzione del complesso di Villa Riccio che oggi inspiegabilmente ha un edificio a destra di via Donatello.

Su questo viale, approssimativamente al centro della piana tra la via Flaminia e le alture di Villa Glori e Monti Parioli (oggi occupata dal Villaggio Olimpico) è prevista la creazione di un’imponente piazza della Stazione. Il piano infatti prevede il riassetto del sistema ferroviario della città, con la trasformazione di Termini in una stazione di transito completamente sotterranea e la realizzazione di una stazione sud all’altezza del Mandrione e di una stazione a nord, in questa zona.

Intorno alla stazione, è prevista la creazione di un parco pubblico che occupa tutta la piana, in cui erano già presentilo Stadio del Partito Nazionale Fascista, il Campo Corse Parioli, lo Stadio Nazionale, l’ippodromo di Villa Glori e altre installazioni sportive come lo Stadio della Rondinella e il Circolo Tennis Parioli.

I commenti sono chiusi