Tevere

fl3-ponte-mollo-a-mollo-2008Questa pagina parla del fiume che dalla confluenza dell’Aniene a ponte Margherita, costituisce uno dei confini del Municipio.

Al Tevere, e in particolare al guado sul fiume in corrispondenza dell’isola Tiberina, si deve la fondazione stessa di Roma e per secoli il fiume è stato una importante via per il commercio e per i rifornimenti di tutto ciò che serviva alla città. Continue reading

Spiagge al Flaminio

fl2-spiaggia-davanti-largo-antonio-sartiLungo la riva sinistra tra ponte Milvio e Ponte Risorgimento, lungo l’attuale Lungotevere Flaminio, da sempre si è estesa una lingua di sabbia fluviale che costituiva l’arenile più bello di tutto il Tevere nella zona di Roma.

Nei secoli, la gioventù’ romana ha sempre mostrato una spiccata tendenza a immergersi nelle acque. Con la caduta Continue reading

Quartiere Flaminio e il fiume

fl2-raduno-di-canottieriOggi è il Tevere è il confine del quartiere Flaminio e del Municipio II. Ma quello che oggi è solo un ostacolo da superare è stato per secoli il vero protagonista dei luoghi.

La città di Roma è stata fondata sui sette colli per dominare il guado del fiume in corrispondenza dell’isola Tiberina e la città prende il nome dal suo fiume. E’ Rodolfo Lanciani Continue reading

Piazza Gentile da Fabriano

fl2-piazza-gentile-da-fabriano-rerumromanarumPiazza Gentile da Fabriano è uno slargo di lungotevere Flaminio in corrispondenza del Ponte della Musica. Su questa piazza si imposta il tridente viario previsto dal Piano Regolatore del 1909 con via Guido Reni al centro, viale del Vignola a destra e viale Pinturicchio a sinistra, che voleva richiamare quello più famoso di piazza del Popolo. Tutti e tre i viali del tridente portano a via Flaminia. Continue reading

Sede sportiva dei Cavalieri di Colombo

A Roma nel Municipio II i Cavalieri di Colombo hanno una sede sportiva in lungotevere Flaminio 87, progettata nel 1934 da Ernesto Bruno La Padula aderendo ai canoni di un raffinato razionalismo, e i campi di calcio in viale delle Belle Arti, tra Sant’Eugenio e Villa Giulia. Sono loro che prima della seconda guerra mondiale hanno donato al Vaticano l’area su cui è sorta la Basilica di Sant’Eugenio. Continue reading