Notturno sulla via Salarìa di Giovanni Stradone

Notturno sulla via Salarìa di Giovanni Stradone, del 1945, è un olio su tela (cm 93 x 67), oggi in una collezione privata a Roma.   Continue reading

La casa del guardiano a Villa Borghese di Carlo Socrate

La casa del guardiano a Villa Borghese di Carlo Socrate (Omaggio a Spadini), del 1942, è un olio su tela (cm60 x 50) firmato e datato, oggi in una collezione privata a Roma.   Continue reading

Esther Boise Van Deman

Esther Boise Van Deman è stata  la prima donna archeologa a lavorare accanto a pionieri della disciplina come Giacomo Boni, Christian Hülsen e Thomas Ashby.  Continue reading

Tempio di Antonino e Faustina

View this post on Instagram

#TempiodiAntoninoeFaustina di  #VillaBorghese realizzato nel 1792, nel quadro del rinnovamento voluto da Marcantonio Borghese. Composto da frammenti antichi provenienti dal Foro Romano, accostati a parti moderne secondo la moda del tempo: dietro il prospetto, la statua antica di Faustina, ai lati, due are con le copie delle iscrizioni greche e della versione metrica latina che decoravano l’ingresso della villa di Erode Attico alla Caffarella. Foto di @artinthebigcity #roma2pass #pinciano2 #monumento #Seicento #buongiornoroma #goodmorning #goodmorningpost #goodvibes #goodday #villaborghese #piazzadisiena #view #architecture #architettura #detailsofrome #skyview #columns #portico #romeitaly #visitrome #museoallaperto #lategram #memories #ancientruins #travelgram #travelblog #discoveringrome

A post shared by Roma2pass (@roma2pass) on

Film: La bellezza di Villa Borghese tra Fantozzi e Woody Allen

A Villa Borghese, uno degli emblemi della potenza e dei contrasti di Roma, un luogo in cui si incontrano energie opposte, dal cui incontro nasce quasi sempre la più pura idea di bellezza, nessun regista vorrebbe rinunciare, nessuna storia è giusto che si senta esclusa da un tale miracoloso quadro. E così, accanto agli Alberto Sordi e ai Mastroianni del passato, troviamo i Lino Banfi e le Edwige Fenech degli anni ’80 e perché no, i Fantozzi a cavallo tra gli anni ’80 e i ’90.

Continue reading

Film: Villa Borghese protagonista nei film degli anni ’80, con Diego Abatantuono e Paolo Villaggio

[…] Ed ancora il signor Pincio, il luogo che non può che ispirare romanticismo, continua ad essere citato nel cinema da uno dei più prolifici artisti italiani, Steno, che ne Il tango della gelosia, ambienta in una notte stellata la scena in cui il buon Diego (Diego Abatantuono) per un equivoco pensa di avere “via libera” con la bella e ricca Lucia (Monica Vitti).

Continue reading

Film: Villa Borghese: location romana del cinema anni ’50 da Marcello Mastroianni a Eduardo De Filippo

Nel 1950 Villa Borghese appare nel film Domenica d’agosto  di Luciano Emmer, facendo da cornice al primo vero ruolo del divino Marcello Mastroianni, che, giovanissimo, prima di allora aveva solo ricoperto piccolissimi ruoli e che qui, immerso nell’afa di Roma, amoreggia castamente con la sua virtuosa innamorata davanti ad una delle fontane della Villa, in cui bambini si tuffano in cerca di frescura.

Continue reading

Apertura di Villa Umberto

A kIl 12 luglio 1903 Villa Umberto I, allora il più grande parco di Roma, viene aperto al pubblico.

Era la villa fuori Porta Pinciana della famiglia Borghese, diventato proprietà dello Stato e poi del Comune di Roma che apre i cancelli del parco al pubblico proprio mentre l’adiacente Villa Ludovisi viene lottizzata in vista dei lavori per la costruzione dell’omonimo quartiere.

In quell’occasione, è eretto il monumento al re Umberto I scomparso da pochi anni.

Villa Umberto I era allora la piu grande dei parchi pubblici di Roma,

Stalle della Polizia a cavallo

Stalle della Polizia di Stato a cavallo lungo via Pinciana nell’area del Parco dei Daini

MAPPA della Zona Pinciano 2 (Villa Borghese e il Pincio)   Continue reading

Villa Lubin. La Storia

Nel 1906, si decide di costruire a Villa Borghese una sede prestigiosa per il nuovo Istituto Internazionale di Agricoltura, , una sorta di FAO ante litteram, un organismo nato a inizio Novecento. Il nome Villa Lubin è assegnato all’edificio successivamente in onore dell’imprenditore americano David Lubin che aveva voluto fortemente l’Istituto.   Continue reading