Valle Giulia

Valle Giulia o Belle Arti o Valle delle Accademie è la valle dove sorge Villa Giulia, una piccola valle che da via Pinciana arriva fino al Tevere, in corrispondenza di piazzale delle Belle Arti.

MAPPA della Zona Pinciano 5 (da Villa Taverna a Villa Giulia)

In figura una foto del 1911 in cui si vede un particolare della Galleria Nazionale d’Arte Moderna e l’Accedemia della Gran Bretagna.
La valle inizia dentro villa Borghese, davanti al Casino Nobile (oggi Galleria Borghese) dove sono le Fontane oscure e nel primo tratto è denominata Valle dei Platani, per via degli alberi secolari lì presenti.

Poi prosegue nella cosiddetta Valletta dei Cani, ancora dentro Villa Boprghese, dove i romani portano i loro amci a quattro zampe per lasciarli liberi di correre.
Dopo il cancello della villa su Via Ulisse Aldrovandi, l’antico vicolo delle Tre Madonne, la valle è oggi percorsa da un grande viale, viale delle Belle Arti, percorso dalla linea tranviaria (una volta chiamata “circolare”) e costeggiato da ville, musei e gallerie d’arte, accademie di paesi stranieri.

Uscendo da villa Borghese, tra il Bioparco (a destra) ed il Giardino del lago (a sinistra), troviamo:

  • La Galleria Nazionale (a destra) e di fronte giardini all’italiana di villa Borghese che portano ad una zona dedicata ai poeti stranieri
  • diverse Accademie di paesi vicini e lontani (a sinistra su via Omero, a destra su via Gramsci), e in pariticolare l’Accademia della Gran Bretagnia (a destra) e l’Accademia della Romania (a sinistra)
  • Villa Giulia (a sinistra) e l’Arco Oscuro (a destra), l’antico accesso ad un dedalo di gallerie sotterranee, dove iniziava l’antico vicolo dell’Arco Oscuro, che da via Flaminia si inerpicava sul
  • Monte San Valentino sul tracciato dell’attuale via dei Monti Parioli.
  • la Via di Villa Giulia (a sinistra), con il portone del giardino di villa Strohl Fern (a sinistra), alto su un bastione di tufo e villa Poniatowsky,
  • sulla destra scende viale Bruno Buozzi e un poco più avanti, sovrastate dai pini di Villa Balestra, Viale Tiziano e Via Flaminia nell’unico tratto in cui si può intravedere il progetto di una grande strada di accesso a Roma,
  • a sinistra, tra via di Villa Giulia e viale Belle Arti, i campi sportivi dei Cavalieri di Colombo, la chiesa parrocchiale di Sant’Eugenio, il Casino del Monte, oggi Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede,
  • nell’ultimo tratto del viale, prima di piazzale delle Belle Arti e del ponte Risorgimento, due imponenti palazzi neo-barocchi progettati dall’ing. Giulio Gra per alti dirigenti dello Stato.

Eccetto per villa Borghese e villa Giulia, tutto l’assetto dell’area fu definito da Cesare Bazzani in occasione dell’Esposizione Universale del 1911. Prima di allora la valle era compresa nella Vigna Cartoni ed era caratterizzata dalla presenza di numerose caverne sia sul versante vero Villa Borghese che in quello sotto le colline dei Parioli.

Bibliografia:

  • Valle Giulia 1911-2001. La valle delle accademie tra storia e progetto, Stefano Garano, Palombi editore

I commenti sono chiusi