Vicolo verso Villa Strohl Fern di Giovanni Omiccioli

Vicolo verso Villa Strohl Fern di Giovanni Omiccioli, del 1948-49, è un olio su tela, 65 (cm x 50) oggi in una collezione privata a Roma.

Il vicolo riprodotto dal pittore e l‘attuale via Mariano Fortuny.

Omiccioli nasce a via Flaminia davanti alle pendici dell’altura di Villa Strohl Fern, in cui ancora c’è il borghetto Flaminio. Una zona tradizionalmente occupata da numerosi studi di artigiani e di artisti, tra cui si ricordano, in epoche diverse, quelli del pittore Mariano Fortuny, dello scultore Morani, dei pittori Janni e Attardi, del regista Tinto Brass.

Dal terrazzo del suo palazzo, Omiccioli inizia a dipingere la serie degli Orti, che riscosse molti consensi in quel particolare momento storico, immediatamente dopo la guerra.

Ricorda Giorgio Bassani: «Non vivevamo a Roma, noi, nel ’41, né conoscevamo Omiccioli altro che di nome, sulla fede di qualche cronaca d’arte letta in non so che rivista letteraria del tempo. Non eravamo perciò in grado d’avere alcuna notizia, neppure indiretta, delle discrete scorribande che il pittore compiva proprio a quell’epoca nell’immediata periferia romana, e, con particolare insistenza, lungo le sublimi solitudini erbose che s’aprono, poco più su di Ponte Milvio, attorno alla confluenza dell’Aniene nel Tevere».

Bibliografia: Valerio Rivosecchi e Antonello Trombadori “Roma appena ieri nei dipinti degli artisti italiani del Novecento.

Ritorna a  via Mariano Fortuny.

I commenti sono chiusi