Villa Buratti

pi3-scuola-alfieriPercorrendo la via Salaria da piazza Fiume, dopo aver superato l’incrocio con via Po e via Tagliamento, in corrispondenza della confluenza con via Metauro a destra, fa una repentina svolta a destra. Davanti a noi la scuola media Vittorio Alfieri, un edificio che presenta alcune stranezze.

L’edificio novecentesco della scuola è evidentemente sulla destra. A sinistra, all’angolo con via Carlo Zacccchi un grande portale come a Roma ce ne sono tanti per segnare l’ingresso di ville e giardini. Ma qui di verde non c’è traccia. Al centro un edificio con tracce di nobiltà con un grazioso balcone aperto sulla via. Se poi entriamo nel portone della scuola troviamo subito a destra l’aula magna e più avanti un grazioso portico verso un giardino ormai sbarrato da un alto muro su via Giovanni Pacini.

pi3-portale-di-villa-burattiLa spiegazione di tutto ciò è facile. Siamo davanti a Villa Buratti, una antica e nobile villa che ha perso completamente il suo giardino, tagliato dalle nuova via tracciata alla sua sinistra e alle sue spalle, e che è stata trasformata nel corpo centrale della scuola.

Nel ‘600 il casale di vigna Gavotti (dal nome dei proprietari, si affacciava su via Salaria, in corrispondenza dell’attuale civico 159.

Nel Settecento la proprietà è nota come Villa Buratti. Nell’Ottocento il casale diventa un convento.

Nel Novecento, il terreno intorno è lottizzato e Il casino è inglobato nella costruzione, della scuola media Vittorio Alfieri.

pi3-stemma-burattiSulla facciata prospiciente via Salaria la costruzione seicentesca è ancora leggibile nei suoi caratteri architettonici, nel ritmo delle aperture con cornici rilevate dal disegno “orecchiato” alla sommità, nelle linee del suo aggraziato portale su strada, mutilato nella voluta sinistra dall’apertura della via Gaspare Spontini.

Completamente distrutto è invece il rapporto con l’ambiente intorno. Scomparso il giardino e la vigna, il portale di quest’ultima è diventato il portone del nuovo edificio scolastico.

Nei dintorni: villa Giorgina, vicolo di Grotta Pallotta, Villa Grotta Pallotta, Catacombe di Santa Felicita, via Salaria Vetus,

 

I commenti sono chiusi