Risultati della ricerca per: piano di tutela

Normativa del Piano di Tutela

La normativa del Piano di Tutela dell’immagine del Municipio II di Roma Capitale è un insieme ragionato di consigli culturali per il cittadino, a tutela dell’immagine del patrimonio architettonico del suo quartiere e della sua città, per salvaguardarne gli scenari ancora non alterati da interventi inadeguati e per migliorare la qualità urbana. Continue reading

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

Via Giovanni Paisiello

Via Giovanni Paisiello è il proseguimento di via Pinciana, dall’incrocio con largo Nicola Spinelli, all’incrocio con viale Gioacchino Rossini, dove la strada prosegue con il nome di via Antonio Bertoloni. La via è l’asse del quartiere dei Musicisti e corre sul tracciato della via Salaria Antica, poi trasformata in uno stradello campestre, il vicolo dei Parioli, poi a inizio Novecento denominata via dei Parioli.

Continue reading

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

Tipologia degli edifici

I quartieri che compongono il Municipio II si formano con il Piano regolatore del 1909 con la tipologia dei fabbricati, dei villini, dei villini signorili, delle palazzine, degli edifici intensivi, costruiti da enti pubblici, da cooperative e da privati, e degli edifici a loro servizio (scuole, chiese, ecc.).     Continue reading

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

villino Naselli

Il villino Naselli si trovava in via Ticino 3, nel quartiere Trieste. La sua vergognosa demolizione è stata realizzata nel 2017 e oggi al suo posto vediamo un moderno villino.

Le origini di questo edificio risalgono al 1930, quando venne progettato dall’ingegnere Ugo Gennari per il Conte Gerolamo Naselli; Gaetano Minnucci, all’epoca collaboratore del Gennari, partecipò alla progettazione. La costruzione fu completata nel 1931.  Il villino confinava a nord con il Villino Gigli, appartenuto al noto tenore.

L’edificio si presentava come un villino su due livelli di architettura neorinascimentale. Aveva un ampio tetto a spioventi coperto di coppi alla romana, un grande camino si trovava sul lato di sinistra. Al n.1 di via Ticino si apriva il grande cancello carrabile di ferro battuto sostenuto da due pilastri quadrangolari dorici ricoperti da una fascia bugnata e culminanti in sfere decorative. La bella cancellata era di ispirazione seicentesca e le due ante terminavano superiormente in una stella a otto punte. Accanto, al n.3, un cancello pedonale conduceva al giardino.  Al pianterreno due ampie finestre su mensole affiancavano il grande portone decorato a bugnato, preceduto da una scalinata e sovrastato da un timpano spezzato culminante in un grande stemma.  Lo stemma era avvolto in un doppio cartiglio, in mezzo al quale si trovava una corona comitale a nove perle, due coccarde di frutta lo raccordavano alla trabeazione sottostante. Nello scudo era presente l’emblema delle Ancelle Concezioniste del Divin Cuore, caratterizzato dal monogramma della Vergine, con al centro il Sacro Cuore di Gesù, sormontato da una corona di 12 stelle.  Le finestre del pianterreno erano decorate da un timpano spezzato in cui si trovava un piedistallo culminante in una sfera. Al primo piano due finestre quadrangolari inquadravano un bel loggiato centrale, costituito da due colonne doriche.  Al piano terra i soffitti erano voltati, la hall d’ingresso e della camera da pranzo erano dotati di volte a padiglione, lo studio e il salotto erano avevano volte a botte, il salone aveva una grande volta a lunette.

Nel 1947 la proprietà passa alla Congregazione delle Ancelle Concezioniste del Divin Cuore che chiedono l’autorizzazione al comune per sopraelevare l’edificio. Nel 1960 il villino è elevato di due piani, alterandone l’aspetto originario ma cercando di mantenerne gli stilemi.

Questo villino, è salito agli onori delle cronache nel settembre 2017, quando si è diffusa notizia della volontà di abbatterlo per lasciare spazio a un nuovo edificio residenziale moderno su progetto di Alessandro Ridolfi.
La scelta è stata fortemente criticata da molti, come il critico d’arte Vittorio Sgarbi o l’associazione Italia Nostra, soprattutto perché il nuovo edificio, diversamente dal Villino Naselli, non avrebbe avuto un legame con il contesto circostante, caratterizzato dai singolari edifici del Quartiere Coppedè e dal vicino villino che fu proprietà ed abitazione di Beniamino Gigli (e che, diversamente dal Villino Naselli, risulta vincolato).

Secondo le associazioni contrarie all’abbattimento, anche il Villino Naselli doveva essere vincolato, dal momento che era originario degli  anni Trenta (quindi oltre i 70 anni che prevedono la tutela di questa tipologia di edifici) e non degli anni Cinquanta, quando venne realizzata solo una soprelevazione. La proprietà, invece, ha fatto sapere che il villino non era vincolato e che hanno preferito realizzare un nuovo edificio anziché ristrutturare un falso storico.

Fonti:  Rerum Romanarum: Villino Naselli

Pagine al livello inferiore:

Pagina al livello superiore:  Zona Trieste 1

Pagine allo stesso livello:

Altre pagine correlate:

Nei dintorni (clicca su MAPPA per vedere i Punti di Interesse vicini):

In rete:

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

“Quando ai Parioli c’erano i campi …” di Giovanna Alatri

di Giovanna Alatri

vicolo dell’Arco Oscuro

Sino agli inizi del Novecento, prima che venissero realizzati i lavori di trasformazione di Roma, previsti dopo l’Unità per lo sviluppo urbanistico della Capitale (1), la zona dei Parioli era una delle periferie più ricche di verde della città per la presenza di ville storiche, di vigne, di campi, ma destinata in tempi relativamente brevi a trasformarsi in un quartiere denso di edifici, che hanno cancellato gran parte dei suoi splendori naturalistici e hanno fatto dimenticare i nomi di alcuni “inquilini” che vi abitavano: artisti, letterati, educatori, come ad esempio, tra i tanti, Giacomo Balla, Alessandro Marcucci, Giovanni Cena, allora poveri e sconosciuti ma che sarebbero presto “saliti in gloria”.  Continue reading

CONDIVIDI QUESTA PAGINA: