Monte San Valentino

Monte San Valentino è l’antico nome di Monti Parioli, quella serie di alture dei Parioli tra Valle Giulia, la piana alluvionale del Tevere dove corre viale Tiziano, viale Maresciallo Pilsudski e piazza Euclide.

Il nome deriva dalle catacombe di San Valentino che lo perforavano profondamente.

Pagine a livello inferiore:

Pagine allo stesso livello:

Pagina al livello superiore: Monti Parioli

Altre pagine correlate:  Vicolo di San Valentino,

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

Le capate

Antoine Jean-Baptiste Thomas (1791-1834). 1823, Collezione privata

Le capate erano le incursioni di branchi di bestie vaccine che entravano a Roma nel giovedì e venerdì per raggiungere i macelli.

Dice il Belli:
“quando tante vaccine indiavolate
se vedevano annà tutte alla sciolta”
e bastava che un vitello uscisse dal branco per vedere una torrida casalinga tipo quella che oggi avviene a Pamplona e a Saragozza nella festa di San Firmino.  Continue reading

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

Scuola Romana

Scuola Romana

da fare

Non è uno stile, e non è tendenza, non presenta cioè aperture politiche, si configura piuttosto come una corrente che, nel mondo schizoide fra le due guerre, si articola con una serie successiva di ondate che, sempre uguali a sé stesse, variano proprio in forza del loro accavallamento. Continue reading

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

Agonia dei tram

Dopo che durante il fascismo le linee tranviarie furono eliminate dal centro storico, è nell’ultimo cinquantennio che molte linee rimaste furono soppresse e sostituite da autobus. Questa pagina è tratta dall’articolo “Quando sembrava che a Roma il tram stesse per scomparire” di Enrico Massidda pubblicato il 29 aprile 2013 e parla di questo periodo con particolare riferimento alle linee che interessano il Municipio II.

Siamo alla vigilia delle Olimpiadi del 1960. Il mondo del trasporto romano è pervaso dalla febbre dell’automobile. Il tram è un intralcio. Continue reading

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

Apertura di Villa Umberto

A kIl 12 luglio 1903 Villa Umberto I, allora il più grande parco di Roma, viene aperto al pubblico.

Era la villa fuori Porta Pinciana della famiglia Borghese, diventato proprietà dello Stato e poi del Comune di Roma che apre i cancelli del parco al pubblico proprio mentre l’adiacente Villa Ludovisi viene lottizzata in vista dei lavori per la costruzione dell’omonimo quartiere.

In quell’occasione, è eretto il monumento al re Umberto I scomparso da pochi anni.

Villa Umberto I era allora la piu grande dei parchi pubblici di Roma,

Pagine a livello inferiore: Pagine allo stesso livello:

Pagina al livello superiore: Storia di Villa Borghese

Altre pagine correlate:

Nei dintorni:

In rete:

Biblioteca essenziale:

CONDIVIDI QUESTA PAGINA: