Quartiere Flaminio 1942

Testo del libro: Cerroni, Roma nei suoi quartieri  e nel suo suburbio Palombi Editori 1942.  

Confini del quartiere: Porta del Popolo, via Flaminia, riva sinistra del Tevere, via Luisa di Savoia.

Aree del quartiere: via Flaminia, la ferrovia Roma-Civitacastellana-Viterbo, l’area di via Luisa di Savoia, viale Vignola, Lungotevere Flaminio 1942, l’area degli stadi e campi sportivi, Ponte Milvio.

In origine il quartiere Flaminio faceva parte del Rione Campo Marzio: e in effetti la via Flaminia non è che la prosecuzione del Corso, dell’antica via Lata, o, se preferite questa, non è che il primo tratto urbano della Flaminia. Divenuto definitivo lo spostamento della civiltà romana verso il Nord la Flaminia sostituì nel rango di « regina viarum » la via Appia. La Flaminia fu costruita come sapete bene, dal Console Caio Flaminio, console romano caduto nella battaglia del lago Trasimeno: era destinata a congiungere Roma con l’Adriatico e, traversato il paese dei Faleri, per l’Umbria raggiungeva Fano il mare e, lungo la costiera arrivava a Rimini.  

Il primo tratto della via Flaminia fino a Ponte Milvio non perdette più la sua funzione di collegamento con le principali arterie che conducono alI’Italia settentrionale. Per esso sflilarono, fino all’ottocento, fastosi cortei di sovrani e principi, italiani e stranieri, che venivano ad incoronarsi a Roma o a rendere omaggio al Pontefice.

Lungo via Flaminia 1942

Trasporti al Flaminio 1942

Ferrovia Roma Viterbo 1942

Lungo viale Vignola 1942

Lungotevere Flaminio 1942

Stadi e campi sportivi 1942

CIFRE (n.d.r. relative all’anno 1942)

  • Il Flaminio offre come estensione stradale i seguenti dati: Larghi 3; Lungotevere 3; Piazzali 2; piazze 7; Ponti 4: scali 1; vie 42, viali 4. In totale 68 tra strade e piazze.
  • Demograficamente si hanno i seguenti dati: maschi 9013; femmine 9196. Vale a dire un totale di 19.209 anime. I più recenti dati offrono una media di 50 nascite al mese tra le quali 5 nati in famiglie con oltre 3 figli.
  • A due parrocchie fa capo il Flaminio, fino a viale delle Belle Arti 1a zona dipende dalla Parrocchia di S. Maria del Popolo, l’artistica e illustre chiesa sviluppatasi sulla cappella che Pasquale II eresse nel 1099 sulle tombe della famiglia Domizia. L’altra è quella di Santa Croce al Flaminio che ho già illustrata.
  • Il Gruppo rionale fascista che ha sede a piazza XXVIIIl Ottobre, nei pressi del Ministero della Marina, s’intitola a Luigi Siviero ed ha molto cooperato per il miglioramento dell’importante quartiere che costituisce uno dei più suggestivi ingressi nell’ Urbe.

Pagine a livello inferiore:

Protetto: Lungo via Flaminia 1942

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password: Password:

Read more ...

Protetto: Ferrovia Roma Viterbo 1942

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password: Password:

Read more ...

Protetto: Lungo viale Vignola 1942

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password: Password:

Read more ...

Protetto: Lungotevere Flaminio 1942

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password: Password:

Read more ...

Protetto: Stadi e campi sportivi 1942

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password: Password:

Read more ...

Protetto: Trasporti al Flaminio 1942

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password: Password:

Read more ...

Pagine allo stesso livello:

Pagina a livello superiore: Cerroni, Roma nei suoi quartieri

Fonti: Cerroni, Roma nei suoi quartieri  e nel suo suburbio Palombi Editori 1942.

Altre pagine correlate:

In rete:

Bibliografia essenziale:

  • V. BERTARELLI : Italia Centrale. Vol. V, “Roma e dintorni” , -Edito dalla Consociazione Turistica Italiana
  • CORRADO VIETTONE : I vecchi ponti romani. - “Capitolium”, marzo 1931
  • GUSTAVO GIOVANNONI: Lineamenti fondamentali del piano regolatore di Roma Imperiale. Istituto Studi Romani, 1939
  • GUGLIELMO CERONI: Dal tram a cavalli all'autobus. “Capitolium”, marzo 1935.
  • VINCENZO CIVICO: Lo schema delle grandi comunicazioni stradali nel quadro dell'Urbe Imperiale. Istituto Studi Romani, 1939
  • GIUSEPPE COBOLLI GIGLI: Il contributo del Ministero dei Lavori Pubblici al piano regolatore di Roma Imperiale - lstituto Studi Romani, 1939,
  • IL MESSAGGERO: La nuova ferrovia Roma-Viterbo (22 settembre 1932)

I commenti sono chiusi.