Ritrovamenti alla Città del Sole


Nel 2012, durante la costruzione dei grattacieli di undici piani del complesso edilizio la Città del Sole, lungo la via Tiburtina tra la stazione Tiburtina e via della Lega Lombarda, è venuto fuori dal silenzio dei secoli un sito archeologico notevole, non i due coccetti che a Roma trovi ovunque scavi.

MAPPA NOMENTANO 4 della zona Nomentano 4 (piazza Bologna)

La prima sorpresa è stato un deposito dei fossili animali: una  zanna di quasi tre metri, accanto al femore di un Elephas, l’elefante antico, praticamente un mammuth, databile 650 mila anni fa. Una vera e propria rarità rispetto ai già noti giacimenti del Pleistocene del territorio romano dove gli esemplari più antichi ritrovati risalgono a circa 300 mila anni fa. Poco distante sono state ritrovate anche corna di cervo, ossa di daino, ippopotamo e bue.

La seconda è stata il ritrovamento di un Mitreo del III sec. d.C. particolarmente bello e ben conservato con tarsie in marmo, un colombario del III sec. decorato con un prezioso mosaico, un sarcofago straordinario con bassorilievi ispirati a motivi cristologici, olle cinerarie con pitture policrome, una vasca dalle dimensioni monumentali probabilmente destinata alle iniziazione al culto mitraico, strutture e ritrovamenti minori che testimoniano un insediamento dal V secolo a.C. all’età repubblicana e imperiale fino al Medioevo e Rinascimento.

Nonostante la protesta di residenti e associazioni, che vedevano nel mantenimento in loco del sito, un’occasione unica per il quartiere e per il turismo in genere di avere un’area ricca e significativa, i reperti sono stati asportati, sistemati fuori contesto non si sa dove, sono stati ricostruiti palazzi della Città del Sole, ricoprendo tutta l’area.

Torna alla pagina Città del Sole

 

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

I commenti sono chiusi.