Giardino delle Belle Arti

Giardino delle Belle Arti o Giardino delle Crocerossine è un giardino pubblico tra viale delle Belle Arti, via Flaminia, viale Tiziano e via Fratelli Archibugi.

MAPPA della Zona Flaminio 2 (da Belle Arti a via Guido Reni)

Dal viale delle Belle Arti inizia il giardino pubblico dedicato alle Crocerossine. Una volta era pieno di palme delle Canarie (le classiche palme romane), quasi tutte uccise dal “punteruolo rosso” e sostituite da palme washingtoniane.

Al centro c’è un monumento commemorativo al sacrificio dei Fratelli Archibugi caduti nel 1849 «per fermare la marcia dei Francesi» nella la strenue difesa dei garibaldini che ripiegavano verso nord dopo la caduta della Repubblica romana.

Più avanti, un edificio isolato e mai completato, costruito dall’Istituto delle Casa Popolari. Il nome del grande complesso edilizio che da qui doveva arrivare ad Alberobello, sulle sponde del Tevere, è ICP Flaminio I. Più avanti una splendida piccola chiesetta sulla via Flaminia: Sant’Andrea del Vignola.

Da qui i giardini tra via Flaminia e viale Tiziano continuano fino a un parco giochi per bambini, la Fontana delle Tre Vasche circolari danneggiata dalla caduta di un pino e un grande chiosco che ospita un bar oggi di moda, il Tree Bar.

Alla fine del giardino (ormai siamo piazza Manila dove convergono da destra viale Maresciallo Pilsudski e da sinistra via Cesare Fracassini) la statua del poeta nazionale filippino José Rizal.

Caratteristica di questa seconda parte del giardino è quella di essere protetto sia verso la Flaminia che verso viale Tiziano dalle protezioni dei binari del tram 2, rendendolo   difficilmente raggiungibile ma anche estremamente tranquillo a qualsiasi ora del giorno.

Nei dintorni: Palazzo Borromeo, Sant’Eugenio, …

Mappa Flaminio 2 (zona da Belle Arti a via Guido Reni)

I commenti sono chiusi