Isolato in via Nomentana 133

Tutto l’isolato tra via Nomentana, via Cagliari, via Alessandria e via Emilia è occupato da un grande complesso  costruito nel 1886 dagli architetti Maestri di Milano e Bossi di Novara.

MAPPA della Zona Salario 1 (da corso d’Italia a via Savoia)  

Al suo interno, accessibile da via Nomentana 133 e via Alessandria 130, c’è un grande spazio verde con la piccola altura dove fu sparato il primo colpo di cannone il 20 settembre 1870.

Da quelle parti sulla via Nomentana, quando la strada era molto più stretta, sorgeva l’osteria del Pozzo di San Patrizio.

L’isolato è costruito sulla vigna Lancellottiche aveva il casino nobile sulla via Nomentana, che allora era molto più stretta. La vigna è ceduta al Cardinale Falzacappa e nel 1841 diventa Villa Lomellini. Il nuovo proprietario, conte Cesare Lomellini di Pinerolo colonnello della Regia armata Sarda, la rivende dopo pochi anni al principe Torlonia i cui eredi cedono alla Banca Tiberina gran parte del parco, tenendo la proprietà degli edifici sulla strada, poi espropriati dal Comune.

I commenti sono chiusi.