viale Romania. Caserma Slataper

RIFARE ex novo

Pagina copertina  –  FARE

IMMAGINE SENZA AUDIO  (pa35 Copertina v1)

vR 230 AUDIO DI CLELIA, FOTO TARGA STRADALE

Siamo su viale Romania. (pa3 v.Romania Targa)

In questa video-passeggiata vi raccontiamo la storia della grande caserma che è sulla destra del viale tra l’incrocio con via Oxilia e quello con via Slataper. (pa3 v.Romania foto aerea ..)

vR 231  VIDEO PRM  

All’angolo, davanti a noi, c’è la Caserma Slataper, oggi sede del Comando Territoriale di Roma dell’Esercito Italiano. Il suo ingresso è protetto da una imponente torre a pianta ellittica, perno architettonico di tutto il complesso. (Caserma Slataper) vR 234  – La grande caserma ha una pianta approssimativamente triangolare e prende tutto l’isolato tra viale Romania, via Slataper e via Oxilia. (Caserma SlatapervR 235  –  E’ la testata nord del complesso il monumentale edificio con la facciata curvilinea di travertino piena di finestre che abbiamo visto pochi minuti fa, all’angolo tra viale Romania e via Oxilia. (Caserma Slataper – tra viale Romania e via Oxilia)   INTERRUZIONE 1 SEC vR 236 – La Caserma Slataper è stata realizzata su progetto di Vittorio Cafiero, allora trentacinquenne, col contributo di Pietro Lombardi, utilizzando i materiali tradizionali dell’architettura romana: mattoni, tufo, travertino.  (Caserma SlatapervR 240 –  Inaugurata nel 1936, la caserma prende il posto della vecchia Caserma Mussolini … ed è la nuova sede del Comando della Milizia Volontaria Sicurezza Nazionale, le Camicie Nere insomma. Le scritte appena visibili nella fascia bianca in alto, presente sia sull’edificio che sulla torre, inneggiano al fascismo. () INTERRUZIONE 1 SEC. vR 250   ,  Ma vediamo cosa ha di speciale questo edificio. () All’interno della torre davanti a noi, c’erano dei grandi ambienti, decorati con grandi immagini e simboli del periodo fascista e illuminati, come possiamo vedere dall’esterno, da piccole finestre quadrate delle stesse dimensioni dei blocchi di tufo del rivestimento. Sappiamo che le pareti di queste sale erano state decorate da diversi artisti.  ()  Ma la damnatio memoriae del dopoguerra nei confronti del regime colpisce anche questo edificio: tutte le decorazioni sono distrutte e le sale della torre diventano anonimi ambienti della caserma. () vR 260   –  Al piano rialzato, c’era la Sala del Rapporto, alta 8 metri e decorata con una grande immagine di Mussolini con la divisa della Milizia e altri dipinti murali di Mario Tozzi. () Al livello superiore, era situato il Sacrario della Milizia, una grande sala interamente rivestita con mosaici di Angelo Canevari,   (Sacrario della Milizia – Inaugurazione – 1936) autore, tra l’altro, di numerose opere di arte musiva al Foro Italico (Foro Italico – Piscina ) e alla Casa della Gioventù Italiana del Littorio (la GIL) a Trastevere. (Casa della GIL – via G. Induno – oggi cinema Nuovo Sacher) Su un gradone al centro della sala, era un altare, con una quinta retrostante … (Sacrario della Milizia – Inaugurazione – 1936) dove erano incisi i nomi dei caduti della Milizia.  Il tutto realizzato in marmo nero.  (NO TESTO) INTERRUZIONE vR 265  . Nei primi anni Novanta, durante alcuni lavori di risistemazione della sala dove era il Sacrario, sono casualmente scoperte tracce dell’opera di Angelo Canevari. Si fanno dei saggi sulla parete fino all’esito finale: sotto 5 centimetri di intonaco, il mosaico originale è praticamente intatto! L’altezza originaria della sala è ripristinata ed è effettuato un completo restauro. vR 270  . Riappare così il grande mosaico sul tutta la parete del Sacrario, con quattro enormi personaggi. Sono gli evangelisti, rappresentati come antichi eroi, con i loro simboli tradizionali e con iscrizioni che rimandano a temi e valori del regime fascista. Marco, con il leone, rappresenta la forza, Giovanni con l’aquila l’intelligenza, il pensiero, Luca con l’angelo la fede, Matteo infine con il simbolo del bue rappresenta il lavoro. Forza, pensiero, fede, lavoro: le virtù che caratterizzano, secondo i dettami di Mussolini, le Camicie Nere. La sala, con la sua decorazione originaria rimessa a nuovo, è oggi l’aula magna del Comando Territoriale di Roma dell’Esercito Italiano. INTERRUZIONE 1 SEC. vR 272   .   L’architetto Vittorio Cafiero è anche il progettista del Ministero delle Colonie, oggi Palazzo della FAO, e dell’imponente caserma dietro piazza Mazzini, oggi sede della Corte dei Conti. Dopo la guerra, Cafiero sarà uno dei progettisti del Villaggio Olimpico. vR 274  –  Pietro Lombardi è meno giovane del collega. Aveva lavorato negli studi di Brasini e Piacentini ed è stato molto attivo in ambito coloniale. (Terme di Calitea – Rodi)   Nel dopoguerra a Roma lavorerà nell’edilizia residenziale privata. E’ sua la palazzina Giammarusti, all’angolo tra viale Bruno Buozzi e via Antonio Gramsci, caratterizzata dalla facciata rotonda …  e da un elegante ingresso, oltre che dalla piscina di un noto cantante all’attico.  Ma Lombardi non fa l’architetto a tempo pieno, è professore all’Accademia di Belle Arti di Ripetta, e si guadagnerà la fama, nella nostra città, con altri lavori.  vR 276   . FARE FOTO LARGA Infatti, è suo il progetto della fontana delle Anfore a Testaccio e, successivamente, è a lui che il Comune affida …  (Fontana delle Anfore piazza Testaccio)  la progettazione di tutte la particolarissime fontane dei rioni.  Qui vedete quella delle Tiare a Borgo (Fontana delle Tiare largo del Colonnato, Borgo) FARE FOTO LARGA e la fontana degli Artisti, piena di cavalletti, colori, tavolozze. E’ infatti la fontanella di Campo Marzio, che per secoli è stato il loro rione.  (Fontana degli Artisti via Margutta (Campo Marzio))  INTERRUZIONE

Pagina finale – FARE

IMMAGINE SENZA AUDIO  (pa35 Fine v1)

Pagine al livello inferiore: Pagina al livello superiore:  www.roma2pass.it/media/video/

Pagine allo stesso livello:

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

I commenti sono chiusi.