Risultati della ricerca per: ... ...

Stanze di palazzo Borromeo sopra la fontana

Al primo piano di Palazzo Borromeo, all’angolo verso porta del Popolo sopra la grande Fontana dell’Acqua Vergine, ci sono tre stanze.

Le tre stanze furono completate da Pirro Ligorio e volute da papa Pio IV, come vediamo dallo stemma del papa sul soffitto a padiglione e dall’iscrizione PIUS IV MEDIOLANENSIS PONTIFEX MAXIMVS ANNO SALVTI MDLXIIII, l’anno della chiusura del primo cantiere del palazzo.  Sono le stanze volute dallo zio Pio IV per essere condivise tra i due fratelli Borromeo, ciascuno proprietario di una delle due ali del palazzo. Gli ambienti sono tutti di medie dimensioni, a testimonianza di una ricerca di momenti intimi e le due finestre della stanza centrale , quella sopra la fontana sono perfettamente orientate verso il Vaticano, quasi a rafforzare il legame tra i Borromeo e lo zio papa.

Lo stemma del papa, incorniciato da grandi angeli, in omaggio al suo nome di battesimo Giovanni Angelo, è quello dei Medici di Firenze con cui i Medici di Milano non erano assolutamente imparentati.  Lo stemma originario di Pio IV presentava invece una unica sfera (o bisante come si dice in araldica) raffigurante una pillola che richiamava il mestiere di cerusico dei suoi avi, ma Cosimo I Medici concede al cardinale Giovanni Angelo, ospite a Firenze per diversi anni, di modificarlo rendendolo simile al suo.

Pagine a livello inferiore:

Pagina al livello superiore:  Palazzo Borromeo

Pagine allo stesso livello:

Pagine correlate:

  • ...

In rete:

  • ...
CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

Vicolo Alberoni

Il vicolo Alberoni era uno stradello che da Porta Salaria (l’attuale piazza Fiume) raggiungere Villa Alberoni, correndo tra il muro di Villa Capizzuchi, a destra, e quello di Villa Albani, a sinistra.

Continue reading

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

Storia

Villa Albani è stata la villa di campagna dal cardinale Alessandro Albani, nipote del papa Clemente XI, edificata dall’architetto Carlo Marchionni su commissione, in una grande proprietà tra via Salaria ed il vicolo della Fontana, che già nel 1748 nella pianta del Nolli figurava come “villa Accoramboni Ercolani ed Orsi ora Alessandro Albani card.”.  i lavori sono portati a termine nel 1758.

Continue reading

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

Architettura

Il casino nobile di  Villa Albani è un perfetto esempio di architettura classicista con il porticato a piano terreno, le colonne, le edicole finestre e la balaustra di coronamento con le statue.  Ogni ambiente aveva un proprio carattere; nel portico del palazzo erano sistemate le statue degli imperatori romani, nelle due gallerie laterali le statue dei poeti e generali, nel portico del Coffehaus le statue degli dei.  Continue reading

CONDIVIDI QUESTA PAGINA: