Palazzina in via Arbia 21

In via Arbia 21 sorge una moderna palazzina realizzata nel 1960-1961 da Carlo Aymonino, M. Aymonino, A. De Rossi, B. De Rossi.

MAPPA TRIESTE 3 della Zona Trieste 3 (piazza Verbano

La ricerca di una nuova «espressività: della forma» che recuperi la complessità del progetto architettonico, contro un uso di maniera degli elementi grammaticali del linguaggio razionalista, è un tema caro a Carlo Aymonino. Già il progetto presentato al concorso per la nuova Biblioteca Nazionale del 1959 era caratterizzato da una composizione di edifici determinata dall’intersezione di solidi geometrici.

Nella palazzina di via Arbia, questa ricerca trova una concreta occasione di sperimentazione grazie al fatto che i progettisti sono titolari anche dell’impresa di costruzioni, e possono quindi controllare l’intero processo edilizio.

Al di là: di specifiche esigenze funzionali, il volume dell’edificio appare accuratamente modellato con scatti, rientranze, piccoli aggetti, sulla base di un equilibrio formale estremamente dinamico che trova nel disegno degli ultimi due piani e nelle logge angolari del fronte principale i suoi elementi più significativi. Alcune soluzioni particolari sembrano venate da una sottile ironia, come nel caso dei volumi cilindrici di coronamento, dei portavasi delle logge o dei ringhierini che completano il disegno di alcune finestre.

A sottolineare il carattere di oggetto forrnalmente compiuto dell’edificio, ottenuto quasi «per sottrazione» rispetto a un parallelepipedo virtuale, tutto l’involucro esterno, a eccezione del basamento che è in peperino, è rivestito con un paramento continuo di piastrelle di klinkler color ocra.

Le soluzioni distributive non offrono variazioni significative rispetto allo schema classico della palazzina: un corpo scala centrale illuminato da una chiostrina (con l’interessante soluzione della scala elicoidale nel vano ellittico) e tre alloggi, di dimensioni diverse, per piano.

Cosa è l’Arbia?

Bibliografia essenziale:

  • Guida all’architettura moderna. Piero Ostilio Rossi. Roma. 1909-2000 30829
    «L’Architettura», n. 93, luglio 1963;
    «A + U”, febbraio 1978;
    Carlo Aymonino. L’architettura non è un mito, pp. 39-40 e 104-05;
    Carlo Aymonino, pp. 44-48.

Nei dintorni: Palazzina Filomarino, Villa Visconti,

I commenti sono chiusi