Paolo Tuccimei

Paolo Tuccimei (Roma 1879 – 1952) è stato un ingegnere progettista e costruttore.

Paolo Tuccimei lega il suo nome a due palazzine in via Salaria 298 e 300, caratte­rizzate da un’impronta déco pressoché unica a Roma, che la critica ha ricostruito come frutto della collaborazione, all’Impresa Tuccimei, di un disegnatore francese prove­niente da Parigi e imbevuto di un gusto affine a quello del Roux-Spitz.

I due edifici si carat­terizzano per la raffinata elaborazione degli spazi comuni e dei corpi scala. Gli androni, ca­ratterizzati da nicchioni stilizzati nell’edificio al n. 298, presentano al n. 300 una curiosa se­quenza di lesene come incassate a “fasciare” l’intera parete d’ingresso. Da menzionare la cabina dell’ascensore interamente vetrata al­l’interno di una intelaiatura in metallo, nel­l’edificio di via Salaria 298.

La ripresa di espe­rienze ed architetture straniere si era già mani­festata nella villa Anzino (1923-24, demolita), sempre a Roma, dove il Tuccimei, forse in omaggio alle origini inglesi della moglie del committen­te Giuseppe Anzino, aveva ripreso la tipologia del cottage dalle ampie coperture a falda e le doghe di legno sui prospetti del piano superiore.

Opere di Paolo Tuccimei, oltre alle due palazzine in via Salaria 298 300 del 1934, sono:

  • Palazzina in via Taro 39 ang. via Reno, del 1927
  • Palazzina in via Panama 110 (ante 1937)
  • Palazzina in via Bruxelles (ante 1937)

Bibliografia essenziale: M. Fazzino, in AA.VV., Pietro Aschieri … , Roma 1977

Altre pagine Roma2pass correlate: …

I commenti sono chiusi