Posta di piazza Bologna

L’edificio postale noto come Posta di piazza Bologna è un edificio in piazza Bologna sede dell’ufficio postale Roma Nomentano.

MAPPA della zona Nomentano 4 (piazza Bologna

La realizzazione di questo ufficio postale, insieme a quelli di viale Mazzini, via Taranto e via Marmorata, rientra nel piano dello sviluppo dell’Urbe, che prevede il decentramento dei servizi in zone esterne al nucleo storico della città. In questo periodo il governo fascista decide di adottare una politica autarchica nella speranza sia di portare il paese ad un’autosufficienza economica. Lo stato si fa “imprenditore”, soprattutto nel settore edile. Il marmo diventa il materiale per eccellenza del razionalismo italiano per esaltare le funzioni espressive e simboliche delle opere. Come nella facciata principale delle poste di Piazza Bologna.

Il concorso, bandito dal potente ministero delle Comunicazioni Costanzo Ciano nel gennaio 1933, viene vinto dall’architetto Mario Ridolfi. L’ufficio postale è inaugurato il 28 ottobre 1935.

L’edificio, caratterizzato per la sua doppia curvatura e per il rivestimento a cortina in listelli di travertino, rappresenta una delle opere più interessanti dell’architettura razionalista italiana. Anche se il bando dava indicazioni diverse (suddivisione in tre parti caratterizzate da tre volumi, una facciata simmetrica verso la piazza, il volume centrale accentuato e più alto) l’edificio, presenta una continuità della superficie che si interrompe solamente nelle parti centrali, sul prospetto principale e sul retro; l’involucro diventa una parete senza spigoli con una forma di doppia curvatura. Gli elementi che caratterizzano il prospetto frontale sono la scalinata centrale e la pensilina dell’ingresso; sul retro troviamo la presenza di una parete curtainwall e due cilindri di vetrocemento che coprono due scalinate.

L’edificio è stato sottoposto a modifiche nel 1976, le più radicali nel salone pubblico dell’ufficio postale.

  • Claudio Rendina, Donatella Paradisi, Le strade di Roma. Volume primo A-D, Roma, Newton Compton Editori, 2004, ISBN 88-541-0208-3.
  • AA. VV., Il moderno attraverso Roma – Guida a 200 architetture e alle loro opere d’arte, Roma, Croma Quaderni 9, 2000, ISBN 88-7621-099-7.

Per approfondire: Ufficio Postale in piazza Bologna, su ArchiDiAP.

 

I commenti sono chiusi