TANO FESTA E GLI AMICI DI PIAZZA DEL POPOLO 2

Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 11/07/2017
6:00 pm - 7:15 pm

Luogo
via Flaminia 133, presso Azimut

Categorie


Una puntata nella pop art italiana.

Con l’aiuto di un esperto, visiteremo la mostra “Tano Festa e gli amici di piazza del Popolo” aperta dal 16 maggio nella sede romana di Azimut Capital Management in via Flaminia 133, che vede protagonista il gruppo degli artisti romani della Pop Art italiana. In esposizione opere di Festa, Mario Schifano, Franco Angeli, Giosetta Fioroni e Renato Mambor, quest’ultimo deceduto a dicembre 2014 dopo aver vissuto e lavorato per trentasei anni a Vigna Clara.
La mostra presenta 30 opere, tele e sculture eseguite negli anni Sessanta che, tra influenze Neo-Dada e richiami Neo-oggettuali, testimoniano quella che è stata la via italiana alla pop-art.
Il percorso espositivo della parte monografica si sviluppa dall’iniziale astrattismo geometrico o basato sul monocromo con opere come “A Raffaele” di Tano Festa del 1960, fino al periodo nel quale l’inclusione di elementi nel quadro inizia a scandirne la spazialità (“Via Veneto”, sempre di Tano Festa del 1962). Seguono poi i quadri-oggetto come “Persiana” del 1962, “specchio” del 1953, e il recupero figurativo nel nuovo motivo iconografico del cielo, (Senza Titolo del 1965), “Studio Per Cielo Meccanico”, 1965, e “La Grande Nuvola” ancora del 1965. Su questo tema sono presenti in mostra anche le sculture seriali basate sul negativo e positivo fotografico, come “Monumento Per Un Poeta Morto” del 1968, mentre il recupero di analisi del rapporto quadro cornice (tema già caro a Giacomo Balla) è testimoniato da “Gli Amici Del Cuore”, uno splendido smalto su tela, infine di Tano Festa si possono ammirare anche le celebri riletture delle icone dell’arte rinascimentale tratte da Michelangelo: spicca su tutte “11 Peccato Originale” del 1969. Ma c’è spazio anche per le tele con inserti oggettuali come “Il percorso dell’acqua”,1969, e “Paesaggio Con Maniglia”, sempre dello stesso anno. L’esposizione intende perciò seguire l’ispirazione di Tano Festa negli anni Sessanta mostrandone la poetica personale e collocandola accanto alle opere degli altri artisti pop italiani di quegli anni. Tra le altre opere esposte nei vari percorsi, quelle di Giosetta Fioroni e Renato Mambor mentre Mario Schifano è presente con due lavori, uno dei quali è “En Plein Air” del 1964.

Evento gratuito.

Evento aperto alle prime 25 persone che prenoteranno chiamando Alessandro Flaviani 335.7265575 o Manilo Caputo 347.6381946 (max due prenotazioni per telefonata). La prenotazione è obbligatoria.

Successivamente, se non potessi venire (tu o una delle persone per cui tu hai prenotato) annulla o modifica la tua prenotazione (chiamando lo stesso numero di telefono).

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *