Gustavo Giovannoni

Gustavo Giovannoni (Roma 1873 – Roma 1947). Ingegnere e urbanista, rivolge la sua attività nel campo didattico e organizzativo. 

Nel 1913 insegna Architettura Generale alla Regia Scuola di Applicazione per Ingegneri; tra 1927 e 1935 dirige la Scuola di Architettura di Roma e successivamente insegna Rilievo e Restauro dei monumenti presso la prima Facoltà di Architettura in Italia, quella aperta nel 1932 a Valle Giulia.

Giovannoni propone negli anni Venti il superamento della uniformità neo rinascimentale dello stile Umbertino creando il genere del Barocchetto Romano ispirato alla rivisitazione del Barocco seicentesco e settecentesco; il barocchetto è caratterizzato da una forte variabilità e creatività e senso di decoro borghese, utilizzato tanto nell’edilizia popolare quanto nell’edilizia di pregio. Con la rivista “Architetura ed Arti Decorative” fondata e diretta da Giovannoni tra 1921 e 1927 si definiscono i tratti distintivi di tale architettura romana cercandone una interpretazione in chiave Moderna per trovare una via al superamento dell’eclettismo umbertino ormai in crisi.

I commenti sono chiusi.