Federico Fellini

Federico Fellini (Rimini 1920 – Roma 1993) è considerato uno dei maggiori registi della storia del cinema, nell’arco di quarant’anni, da “Luci del varietà” del 1950 a “La voce della Luna” del 1990. Definiva se stesso “un artigiano che non ha niente da dire, ma sa come dirlo”.  

Fellini ha lasciato opere ricche di satira e velate di una sottile malinconia, caratterizzate da uno stile onirico e visionario. I titoli dei suoi più celebri film – La strada, Le notti di Cabiria, La dolce vita, 8½ e Amarcord – sono diventati dei topoi citati, in lingua originale, in tutto il mondo. I suoi film La strada, Le notti di Cabiria, 8½ e Amarcord hanno vinto l’Oscar al miglior film straniero. Nel 1993 gli è stato conferito  l’Oscar alla carriera.

Federico Fellini si sposa con Giulietta Masina nel 1943. Da quel giorno la coppia abita in via Lutezia 11, nell’appartamento della zia di Giulietta, Giulia Sardi Pasqualin, a cui l’attrice è molto legata. La zia morirà nel 1955 e un anno dopo Federica e Giulietta traslocano all’attico di via Archimede 141 A. Lì rimarranno fino al 1965, cioè al momento in cui decidono di trasferirsi a Fregene, nell’illusione di poter vivere tutto l’anno al mare.

Pagine a livello inferiore:

Altre pagine correlate:

In rete:

Biblioteca essenziale: Tullio Kezich - Fellini del giorno dopo

I commenti sono chiusi