Cooperativa Voluntas et Labor

La cooperativa “Voluntas et Labor” fu costituita nel 1919 da dipendenti delle Ferrovie dello Stato per realizzare nuove residenze nell’area sulla via Salaria oggi nota come i Villini di via Anapo

La cooperativa nasce con l’obiettivo di “procurare a ciascun Socio una casetta indipendente, circondata da un orto giardino, in località prossima a quelle abitate della Citta”. Cosi si esprimeranno i dirigenti della cooperativa in una pubblicazione del 1922, destinata a raccogliere nuovi soci.

Dopo l’analisi di diverse terreni nell’area nord fuori città, la cooperativa scelse gli oltre 50.000 metri quadrati della vecchia Vigna Della Rovere, lungo via Salaria tra Villa Lancellotti e villa Filomarino. E’ un’area in cui il Comune avrebbe realizzato case popolari ed economiche ma che i progettisti della Voluntas et Labor ritengono sia una “posizione salubre e veramente privilegiata” per la realizzazione dei villini.

Nel finanziamento del progetto intervennero le Ferrovie dello Stato e la cooperativa chiede al Comune di Roma di procedere all’esproprio. Nel 1920, il Comune assegna i terreni espropriati alla cooperativa che inizia la lottizzazione e la costruzione dei villini.

Pagina al livello superiore: Villini di via Anapo

Pagine allo stesso livello:

I commenti sono chiusi.