Lago scomparso a Villa Borghese

L’ingresso monumentale di Villa Borghese è oggi quasi invisibile, circondato com’è dal caos di piazzale Flaminio e dal traffico incessante che scorre lungo viale del Muro Torto. Eppure, ci fu un tempo in cui i maestosi Propilei neoclassici progettati dall’architetto Luigi Canina (inaugurati nel 1829) risaltavano bianchi e splendenti tra il verde della campagna circostante.

MAPPA PINCIANO 2 della Zona Pinciano 2 (Villa Borghese e il Pincio)

Insieme all’ingresso monumentale Canina realizza un piccolo lago, subito a sinistra appena varcato l’ingresso; la sua scelta è dettata dalla necessità di colmare in modo “romantico” un dislivello esistente tra la villa e l’ingresso. Ecco come l’archeologo Antonio Nibby nel 1830, descrive il piccolo bacino: «è a sinistra di chi entra … nutrito da un grosso volume d’acqua che da alto vi si precipita, formando una cascata»; intorno vi erano «spessissimi salici piangenti tramezzati da seditoi in marmo che invitano a riposarsi al rezzo (fresco)».

Il laghetto era alimentato dall’Acqua Vergine che scorre lì sotto. A sua volta la sua acqua è utilizzata sia dal vicino mattatoio sia per “adacquare (innaffiare) la via Flaminia fino al miglio».

In rete:  http://marcogradozzi.blogspot.it/2016/08/il-lago-scomparso-di-villa-borghese.html,

I commenti sono chiusi