Piazzale Flaminio

Piazzale Flaminio è lo slargo esterno a Porta del Popolo, tra viale del Muro Torto e via Luisa di Savoia, verso il vicino Tevere. Qui inizia via Flaminia e si entra a villa Borghese con i monumentali Propilei neoclassici.

Siamo fuori le Mura Aureliane, davanti all’imponente Porta del Popolo, dove per secoli sono entrati in città viaggiatori, mercanti, contadini e pellegrini. Sopra di noi il Pincio con sotto Villa Borghese e poco distante scorre il Tevere. Oggi al centro della piazza c’è un chiosco, ormai in solida muratura, sormontato da un orologio Zenith.

Nei secoli dello splendore dell’urbe, le mura e la porta non esistevano, la potenza di Roma rendeva inutile ogni difesa. Qui invece da tempi immemorabili corre la via Flaminia, quella che oggi è considerata una delle sette strade consolari (vedi Piazzale Flaminio. Ai tempi di Roma antica). Per secoli la strada è stata fiancheggiata da grandi e piccoli mausolei di laterizio spesso ricoperti da marmi pregiati, come il sepolcro dei Domizi, la famiglia di Nerone che sorgeva dove ora è Santa Maria del Popolo o la Tomba di Elio Gutta Calpurniano che visibile qui fuori fino a un secolo fa (vedi Sepolture lungo la Flaminia).

Piazzale Flaminio è sempre stato un punto nodale per i trasporti romani (Piazzale Flaminio. I trasporti pubblici) e per la ristorazione, fin qui infatti i contadini potevano portare i loro prodotti senza pagare il dazio (che si pagava alla porta) e i romani qui venivano a mangiare e bere il vino a buon prezzo sotto le pergole. (vedi Piazzale Flaminio. La ristorazione).

In questa area, fuori dalle mura, sorsero le prime chieste protestanti comparse a Roma a fine Ottocento, dopo la caduta dello Stato Pontificio. L’allargamento della piazza nella configurazione che oggi vediamo è stata fatta nel 1881 abbattendo i l’Albergo dei Tre Re e l’in­gresso di Villa Altemps (Portale Barocco), su via Flaminia.

Piazzale Flaminio è uno dei soggetti che ritroviamo spesso in quadri di importanti artisti: Piazzale Flaminio di Carlo Socrate (1927), Piazzale Flaminio di Mino Maccari (1946).

Guardandoci intorno in senso orario possiamo vedere:

Pagine al livello inferiore:

Mausoleo di Elio Gutta Calpurniano

Il mausoleo di Elia Gutta Calpurniano è un mausoleo in laterizio che fino alla fine dell'Ottocento era possibile vedere appena fuori Porta del Popolo. MAPPA della Zona Flaminio 1 (da Porta del Popolo a Belle Arti) (comprende anche la fascia di terreno a destra di  via Flaminia) Continue reading →

Read more ...

Lapide sulle mura a piazzale Flaminio

A piazzale Flaminio, a sinistra di Porta del Popolo dove inizia viale del Muro Torto e le mura aureliane iniziano a fare da bastione all’altura del Pincio, una lapide ricorda il restauro delle mura fatto da papa Benedetto XIV intorno al 1750, uno dei tanti lavori di restauro e ripristino fatti dai papi sulle mura...

Read more ...

Cantiere della nuova stazione metropolitana

L'area pianeggiante di Villa Borghese tra la Biblioteca di Villa Lubin, in alto e i Propilei Neoclassici della Villa, in basso, è da anni occupata da un cantiere.  E' il cantiere dell'estensione della stazione metropolitana Flaminio (linea B) che aprirà quando la prima parte della Ferrovia Roma-Viterbo, nel tratto da qui a Prima Porta, diventerà una...

Read more ...

Piazzale Flaminio di Carlo Socrate

Piazzale Flaminio è un olio di Carlo Socrate del 1927, su tela di 60,1 x 69,5 cm, firmato e datato, di proprietà di una collezione privata.  Continue reading →

Read more ...

Fontana di piazzale Flaminio

Su piazzale Flaminio, addossata alle Mura Aureliane, a destra di Porta del Popolo, c'è una fontana oggi è parzialmente coperta dalla balaustra del sottopasso pedonale e utilizzata dal fioraio che ha il chiosco lì vicino per tenere in fresco i fiori. MAPPA della Zona Flaminio 1 (da Porta del Popolo a Belle Arti) (comprende anche la fascia di terreno a destra di  via Flaminia)...

Read more ...

Lapide della legnara

La grande Lapide della Legnara è in piazzale Flaminio a destra di Porta del Popolo, a ridosso delle Mura Aureliane, sopra la Fontana di piazzale Flaminio. MAPPA della Zona Flaminio 1 (da Porta del Popolo a Belle Arti) (comprende anche la fascia di terreno a destra di via Flaminia) Continue reading →

Read more ...

Stazione terminale della ferrovia Roma-Viterbo

La Stazione della ferrovia Roma-Viterbo è in via Alberto Ferrero, una strada fantasma che in realtà è un'estensione di piazzale Flaminio, là dove scende via di Villa Ruffo. MAPPA della Zona Flaminio 1 (da Porta del Popolo a Belle Arti) (comprende anche la fascia di terreno a destra di  via Flaminia) Continue reading →

Read more ...

Protetto: Piazzale Flaminio. Ai tempi di Roma antica

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password: Password:

Read more ...

Protetto: Piazzale Flaminio. I trasporti pubblici

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password: Password:

Read more ...

Ristorazione a piazzale Flaminio

Un particolare aspetto che caratterizza piazzale Flaminio e ha sempre caratterizzato nel passato questo luogo è  la ristorazione. Fino a qui, infatti, i contadini potevano portare i loro prodotti senza pagare il dazio (che si pagava alla porta) e i romani qui venivano a mangiare e bere il vino a buon prezzo sotto le pergole....

Read more ...

Pagine che parlano di questo soggetto

Altre pagine correlate:

Nei dintorni: Vicolo delle Grotte,

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

I commenti sono chiusi.