Horto Asperula

Il casale Horto Asperula o Casale Rivarola si trova in via Monti Parioli 33, l’antico vicolo dell’Arco Oscuro, tra via Sebastiano Conca e via Giuseppe Ceracchi.

MAPPA della Zona Pinciano 5 (da Villa Taverna a Villa Giulia)  

Il casale è costituito da due corpi separati (tuttora conservati): la casa di villeggiatura con corte e la casa ad uso della vigna e il giardino retrostante che si estendeva per una larga fascia di terreno, oggi edificato a palazzine.

La località era probabilmente vigna di Sancte Vitelleschi, acquistata da papa Giulio III nel 1553 per ampliare la sua vigna.
Alla morte del papa, le vigne di Monte Parioli vengono offerte da papa Pio IV a Cosimo I de’ Medici. Successivamente entrano nel patrimonio del Grande Connestabile Filippo Colonna, proprietario, giù sulla via Flaminia, di Palazzo Borromeo.

Agli inizi dell’Ottocento la proprietà fu amministrata dal cardinal Agostino Rivarola, in qualità di erede fedecommesso dell’eredità del principe Filippo III Colonna, morto nel 1818 senza discendenza maschile diretta. Il potente prelato collaborò con diversi papi: papa Pio VI (cacciato da Roma dai Francesi), papa Pio VII (il papa del Marchese del Grillo), papa Leone XII, papa Pio VIII, papa Gregorio XVI. Grande nemico del Valadier, Rivarola è tristemente noto per la sua lotta alla Carboneria. Taluni gli attribuirono la condanna a morte dei due carbonari Targhini e Montanari e anche nel noto film Nell’anno del Signore diretto, nel 1969, da Luigi Magni, il cardinal Rivarola (interpretato da Ugo Tognazzi) apparve nelle vesti di giudice.

Oggi il casale è dei conti Auletta Armenise.

Nei dintorni puoi vedere: Ambasciata della Serbia, Ambasciata di Danimarca, Cappella del Sacro Cuore, Casa del Maresciallo, Casina del Curato, Largo Belgrado,  Vicolo dell’Arco Oscuro, Villa Centurini, Villa Dufour, Villa Maraviglia, villa Scrivano, Villa Serena, villino in via Carlo Dolci 10, Villino in via Carlo Dolci 3, Villino Pantanella,

I commenti sono chiusi.