Palazzina Orione

La palazzina Orione sorge in via dei Monti Parioli 39 all’angolo con largo Belgrado e via Antonio Gramsci.

MAPPA della Zona Pinciano 6 (Monti Parioli)  

La palazzina Orione è realizzata nel 1948-49 dall’arch. Pietro Barucci e, per le strutture, dall’ing. Carlo Cestelli Guidi.

Il progetto si ispira per la pulizia delle linee a un villino costruito l’anno precedente da Vincenzo Monaco in via San Valentino, architetto grandemente ammirato dal Barucci a cui era stato presentato dal comune amico Adalberto Libera. In quegli anni, Luigi Moretti stava realizzando la casa del Girasole in viale Bruno Buozzi e la palazzina per la cooperativa Astrea a Monteverde, altri due notevoli esempi romani di quegli anni a cui ispirarsi.

Nella palazzina Orione è presente un’impostazione rigorosa sia volumetricamente che strutturalmente, con alcuni elementi di interesse al livello d’insieme e di dettaglio. Nel prospetto su via Monti Parioli spicca una cartesiana articolazione dei volumi e delle logge. Sulla testata su largo Belgrado si affacciano i balconi sorretti da travi a sbalzo, con parte dei solai distaccati dalla parete. Fu questa per Barucci l’opera prima nella quale, tra le altre esperienze, sperimentare i complessi rapporti tra architetto e costruttore.

Orione era il nome della cooperativa che fa costruire il palazzina.

Bibliografia essenziale:

  • Ruggero Lenci, Pietro Barucci Architetto, Mondadori Electa, Milano, 2008,

Nei dintorni: Villa Centurini,

I commenti sono chiusi.