Localizzazione dei Ministeri

Questa pagina illustra la localizzazione dei Ministeri a Roma nell’Ottocento, prima e dopo l’arrivo degli Italiani.

Sotto Pio IX, l’amministrazione pontificia è organizzata in quattro dicasteri (Ministero dell’Interno, Ministero delle Finanze, Ministero delle Armi e Ministero del Commercio, Belle Arti, Industria, Agricoltura e Lavori Pubblici.), ventuno Sacre congregazioni (ospitate in otto diverse sedi), sei Segreterie (concentrate in Vaticano) e dieci Presidenze regionarie (una per ogni rione).

Nel dettaglio, il ministero dell’Interno e la Direzione generale di polizia è localizzato a palazzo di Montecitorio, il ministero delle Finanze a palazzo Madama, il ministero del Commercio, Belle arti, Industria, Agricoltura e Lavori pubblici ha sede a palazzo Baleani (Piazza della Chiesa Nuova) e il ministero delle Armi in piazza della Pilotta, mentre le Congregazioni risultano sparse tra il Vaticano e dintorni, palazzo della Cancelleria, il Quirinale, i conventi della Minerva e di S. Andrea della Valle.

Dopo il 1970, il primo insediamento delle nuove istituzioni statali è il seguente:

  • Ministero delle Finanze e poi Ministero della Pubblica Istruzione al convento dei Domenicani a Santa Maria sopra Minerva
  • Ministero della Guerra al convento dei Minori Conventuali ai Santi Apostoli
  • Ministero dei Lavori pubblici al convento delle Clarisse a San Silvestro in Capite
  • Ministero della Marina al convento degli Agostiniani a Sant’Agostino
  • Tribunali al convento dei Filippini a Santa Maria in Vallicella
  • Caserma e poi Archivi di Stato nella Casa professa dei Gesuiti al Gesù
  • Liceo Visconti e Biblioteca nazionale al Collegio Romano (il Visconti sta ancora lì)
  • Ufficio del Registro al convento dei Teatini a Sant’Andrea della Valle
  • Carcere giudiziario al convento delle Carmelitane scalze a Santa Maria Regina Coeli (sta ancora lì)
  • Questura al convento dei Serviti a San Marcello al Corso
  • Facoltà di Ingegneria al convento dei canonici lateranensi a San Pietro in Vincoli (sta ancora lì)
  • inoltre le massime istituzioni furono localizzate:
  • il Palazzo del Quirinale, già residenza estiva del Papa, fu destinato a Palazzo reale (è ancora lì);
  • a Palazzo Madama, già sede del Ministero delle Finanze pontificio, fu insediato il Senato (è ancora lì);
  • a Palazzo Montecitorio, già sede dei tribunali, fu insediata la Camera dei deputati, convertendo in aula il cortile centrale (è ancora lì);

Per approfondire: padis.uniroma1.it/bitstream/10805/2167/1/S.%20CRIALESI%20I%20Ministeri%20nei%20complessi%20conventuali%20di%20Roma.pdf

Bibliografia: Vittorio Vidotto, “Roma contemporanea”, Laterza 2001, 2006

I commenti sono chiusi.