piazza Bligny

Piazza Bligny è lo slargo terminale di via Romania, dove a destra via Mafalda di Savoia continua sul vecchio percorso della Salaria Vetus, al centro la strada prosegue con via Salvini e a sinistra parte via di Villa San Filippo.

MAPPA della Zona Parioli 3 (da viale dei Parioli a Piazza delle Muse

Guardandoci intorno vediamo

Ancor prima che Roma fosse fondata qui correva una importante via utilizzata da pastori e mercanti: quella che i romani chiamarono Salaria Vetus e che passava per la città di Antemnae.

Qui sotto sin dal 19 a.C. corre l’Acqua Vergine, l’unico acquedotto di Roma mai interrotto dai barbari nel periodo di decadenza dell’Impero.

Nei secoli scorsi, prima che arrivasse l’urbanizzazione, qui, sul vecchio percorso della Salaria Vetus, correva il vicolo di San Filippo. In questo tratto del vicolo c’era:

Successivamente al piano regolatore del 1909 (in cui non era prevista nè questa piazza nè la vicina piazza Ungheria) qui nasce una piazza, intitolata a Bligny

Bligny è un piccolissimo comune francese (poco più di cento abitanti) vicino Reims e quindi a metà strada tra Parigi e il Lussemburgo (e quindi la Germania). Nel 1918 lì avvenne una battaglia storica: la “Seconda Battaglia della Marna” detta anche “Battaglia di Bligny” a cui partecipò un contingente italiano di 25.000 uomini. I fanti italiani assolsero eroicamente il loro compito di difesa dagli attacchi tedeschi. Il bilancio infatti fu gravissimo (oltre 4000 morti), ma la resistenza di tutto il fronte di Bligny significò l’inizio della sconfitta tedesca nella Prima Guerra Mondiale.​ (http://www.esercito.difesa.it/storia/pagine/battagli-di-bligny.aspx)

I commenti sono chiusi.