Piazza Ungheria

Piazza Ungheria è una delle principali piazze di Roma nord ai confini del quartiere Parioli con il quartiere Pinciano.  

La piazza è situata all’incrocio di due importanti assi viari dei due quartieri:

Il quinto asse viario che converge sulla piazza, infine, è via Panama una strada che nasce, nella prima metà del Novecento, dalla lottizzazione del parco di Villa Heritz.

Guardandoci intorno in senso orario vediamo l’attuale viale Gioacchino Rossini e, alla confluenza di questo viale con piazza Ungheria, sorge il Villino Panzuti, il primo del due villini gemelli presenti sulla piazza, progettato nel 1920 dall’ing. Ignazio Pediconi, con stucchi, cancello, recinzione in ferro battuto e pannello di mosaico.  Qui dobbiamo fare uno sforzo di immaginazione e immaginarci intorno non la piazza che vediamo oggi ma l’incrocio di due vie: l’antico vicolo di San Filippo e il recente viale dei Parioli.  Il villino Panzuti, in particolare, aveva intorno un vasto giardino che si estendeva sul davanti, dove adesso c’è la piazza, e sui due lati: a sinistra, dove oggi c’è un grande edificio moderno, e a destra, dove oggi sorge un secondo villino simile a quello originario.

I negozi che vediamo al piano terra del villino sino stati aggiunti in tempi successivi, quando il Comune decide di creare qui un ampio slargo, cioè l’attuale piazza Ungheria.  E’ in quel momento che il piacevole giardino del conte Panzuti che digradava verso la strada è espropriato e, al civico 3 della nuova piazza, è innalzato un altro villino, gemello del precedente.

Un altro elemento che aveva condotto l’amministrazione comunale alla decisione di creare qui una piazza è che, dall’altra parte dell’incrocio, Giovanni Battista Milani progettista della palazzina Lutetia (quella con ingresso sulla piazza tra via Panama e viale Liegi), “rinuncia” all’angolo del lotto quadrangolare su cui la palazzina sarebbe dovuta essere costruita, creando così, per la palazzina stessa, una nuova facciata tra le due vie e quindi uno slargo.  Le autorità comunali apprezzano tale decisione e la impongono anche ai proprietari degli altri lotti su quello che era nato come un incrocio ma stava diventando una piazza: piazza Ungheria appunto.

A quel punto arretrano anche gli altri lotti intorno:

Anche il Villino Panzuti deve contribuire e perde un’ampia fetta di giardino.  In cambio, il conte è autorizzato a realizzare il villino gemello a destra e a dotare entrambe le costruzioni di un avancorpo per accogliere negozi.  Nasce così un nuovo slargo a cui è dato il nome di piazza Ungheria.”

Guardandoci intorno dal centro della piazza (dove per anni un vigile urbano ha diretto il traffico), vediamo:

La piazza è considerata di “grande viabilità”, corrispondentemente la sua manutenzione è responsabilità dell’Unità Manutenzione Strade di Roma Capitale.

La piazza è stata un importante snodo tranviario (vedi http://www.tramroma.com/tramroma/rete_urb/tram/storia/rot_perd/parioli.htm) di linee che percorrevano viale Rossini, viale Liegi e viale Romania.

Pagine al livello inferiore:

Botteghe di piazza Ungheria

Negli anni Quaranta e Cinquanta, piazza Ungheria è un incrocio di strade  non troppo trafficate con al centro la piattaforma rotonda del “pizzardone” che regola i flussi di traffico e intorno ampi marciapiedi che consentono agli abitanti di sostare, incontrarsi, conoscersi.  A lavorare si va “a Roma” ma la vita è qui.  Continue reading →

Read more ...

Cartolina di piazza Ungheria

Una cartolina di piazza Ungheria negli anni Cinquanta. Da notare: il distributore Esso a sinistra, i binari che da viale Romania vanno verso viale Rossini e viale Liegi, la rotonda del "pizzardone" in basso con le strisce che indicano la circolazione rotatoria, il giornalaio sulla piazza e l'immancabile orologio, la mancanza di ogni marcipiede aiuola...

Read more ...

Aiuola di AMUSE

https://www.roma2pass.it/wp-content/uploads/2022/02/aud-Aiuola-fiorita-e-AMUSE.mp3 . Piazza Ungheria, un luogo caro a tante persone che sono nate e vivono nel Municipio II, è un luogo ricco di storia e di storie da raccontare. In questa piazza, l'associazione AMUSE APS ha svolto un significativo intervento di sistemazione a verde delle due aiuole esistenti nell’area di fronte alla chiesa di San...

Read more ...

Villini Panzuti

 I Villini Panzuti sono due villini gemelli che si affacciano su piazza Ungheria, tra viale Rossini e viale dei Parioli. Continue reading →

Read more ...

Piazza Ungheria: la legenda

Siamo al centro di Piazza Ungheria, vicino alla garitta dei vigili urbani; 2800 anni fa qui c’era solo un folto bosco attraversato (sul tracciato attuale di viale Gioacchino Rossini e viale Romania) da un viottolo percorso da pastori con le greggi e qualche mercante con in spalla un sacco di sale.  Chiudiamo gli occhi e...

Read more ...

Caffè Hungaria

Il Caffè Hungaria, in piazza Ungheria 7. Per decenni è stato uno dei più famosi caffè romani, frequentato in tutte le ore del giorno. MAPPA della Zona Pinciano 3 (quartiere dei Musicisti) Continue reading →

Read more ...

Palazzina Lutetia

La palazzina Lutetia sorge su piazza Ungheria, tra via Panama e viale Liegi e possiamo dire che da questa palazzina nasce Piazza Ungheria. Continue reading →

Read more ...

Pizzardone di piazza Ungheria

Cinque strade confluiscono al centro di piazza Ungheria.  Quando la piazza nasce, i semafori non esistevano e centro di questo incrocio c'era vigile urbano che, con ampi gesti e rapidi fischi, dirigeva i traffico. Continue reading →

Read more ...

San Roberto Bellarmino

San Roberto Bellarmino o San Roberto o San Bellarmino è in piazza Ungheria, tra via Panama e viale Romania ed è la parrocchia dei Parioli e di tutta l'area intorno alla piazza. Continue reading →

Read more ...

Protetto: Piazza Ungheria. Lato ovest

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password: Password:

Read more ...

Protetto: Nascita di piazza Ungheria

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password: Password:

Read more ...

Pagina al livello superiore:  NO

Pagine correlate: 

Nei dintorni:

In rete:

 

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

I commenti sono chiusi.