Dopo due anni Roma2Pass ritorna a scuola

A novembre del 2019 i ragazzi della V elementare A e B della scuola primaria San Pio X dell’Istituto Comprensivo di Via Boccioni, coordinati dalle maestre loro maestre, fecero una rappresentazione teatrale sugli Etruschi. In soli due mesi, tra ottobre e novembre 2019, le loro maestre, con la collaborazione di Roma2pass, li avevano introdotti alla cultura etrusca in modo talmente vivace e preciso da stupire le stesse guide del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia. Quello sulla cultura etrusca doveva essere il primo passo di un progetto molto più ampio che li avrebbe portati a conoscere l’Antica Roma seguendo un percorso storico, artistico, tecnico e sociale in grado di “avvicinarli” alla loro città.  La rappresentazione sugli etruschi era basata sulle dodici città etrusche: i ragazzi si erano divisi in gruppi e ciascuno presentava la propria “città etrusca”. Il progetto in programma per l’Antica Roma era simile, ed era già stato sperimentato nel 2015 come saggio finale di V elementare nella stessa scuola: ciascun alunno avrebbe studiato e presentato un monumento romano in progressione storica fino al drammatico epilogo del sacco di Roma del 410 con la successiva morte e sepoltura di Alarico accompagnato dal suo incredibile bottino di oro e argento. Lo spettacolo finiva con la scenografica ed inaspettata introduzione di Indiana Jones, il solo in grado di ritrovare il tesoro sommerso nel Busento. Un grande successo in entrambi i casi, nel 2015 con l’Antica Roma e nel 2019 con gli Etruschi, non c’è dubbio! E probabilmente anche nel 2020 i ragazzi avrebbero imparato con l’aiuto di Roma2pass, divertendosi e facendo divertire amici e parenti.

Niente è successo di quanto programmato! E’ saltato tutto! Ci siamo ritrovati, a giugno del 2020, con il materiale in bozza che i ragazzi avevano preparato e che non potevamo restituire a nessuno. La pandemia ha devastato noi, non più “vecchi saggi”  in grado di trasmettere le nostre conoscenze, ma “vecchi fragili” da proteggere con quella “distanza sociale” che ha allontanato tutto e tutti da tutti e tutto. Ma, soprattutto, ha devastato i ragazzi, che per due anni scolastici sono stati guardati come untorelli manzoniani, inconsapevoli e innocenti. Il vaccino ha salvato noi anziani fragili, ma ha devastato le menti dei ragazzi i quali, ora, hanno bisogno di una nuova linfa vitale, di un nuovo stimolo che, se non potrà far loro riguadagnare il tempo perduto, dia almeno loro gli strumenti per riconciliarsi con il mondo. E’ dovere nostro, anziani soci di AMUSE APS e di Roma2Pass, e di tutta la società che ruota attorno al mondo della scuola, dare loro nuovi stimoli, nuove opportunità, nuovi sogni.

Per due anni i ragazzi non sono usciti da casa, o quasi, non hanno visto i loro compagni, o quasi, ma sicuramente non hanno viaggiato, non hanno fatto le gite scolastiche, non hanno avuto contatti con il mondo esterno alla loro scuola. Con la ripresa della normalità Roma2Pass si rivolge ora alle scuole del Municipio II per riavviare, con modalità nuove, i programmi di conoscenza del nostro territorio.

In questo ambito l’iniziativa ad ampio raggio promossa dal progetto di valorizzazione e promozione del II Municipio, proposto dalla commissione speciale Turismo presieduta dalla consigliera Arianna Camellini, ha dato lo spunto, alle scuole che hanno aderito, per realizzare una “Guida Turistica di Prossimità” con la collaborazione di Roma2pass. Anche se siamo alla fine dell’anno scolastico 2021-2022, in mezzo a tutte le difficoltà generate dalla pandemia, le scuole si stanno rivolgendo ad AMUSE APS per usufruire dei servigi offerti dal nostro progetto “Roma2Pass va a scuola”. Nel giro di due settimane sia l’IC Sinopoli Ferrini che l’IC Via Volsinio hanno programmato e realizzato un programma di passeggiate coordinate da Roma2pass.

Sull’onda di questa nuova opportunità Roma2pass è pronta a rilanciare la propria attività nelle scuole e negli atenei del II Municipio. Ormai sono 10 anni che organizziamo passeggiate e visite guidate all’interno del Municipio II a beneficio un po’ di tutte le scuole, dal già citato IC Via Boccioni all’IIS Tommaso Salvini, dall’Istituto Santa Giuliana Falconieri all’IC Alfieri Lante della Rovere che negli anni ha sviluppato una collaborazione duratura con AMUSE APS. Ma non sono mancati gli Istituti Universitari di Architettura e Urbanistica.

La Struttura delle collaborazioni “standard” di Roma2pass con le scuole, prima della pandemia, si basava su una presentazione (non una “lezione”) frontale, supportata da slides in power-joint di circa un’ora che introduceva l’argomento e da un successivo “sopralluogo” sul territorio, di circa due ore, per visitare direttamente i luoghi oggetto della collaborazione.

Si sono svolte in questo modo le passeggiate/sopralluogo lungo la “Salaria Vetus” (Via Lagrange, via Bertoloni, Via Denza), a Villa Glori, a Piazza Euclide, a Villa Borghese, a Villa Giulia, a Valle Giulia, a Porta Pia, al tratto di Mura Aureliane tra Piazza Fiume e Porta Pinciana, ma anche al Ponte della Musica, nella Galleria Borghese e nel Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia.

La nuova era post-pandemia sotto lo stimolo delle professoresse delle scuole con le quali siamo in contatto si è sviluppata elaborando podcast e video. che permettono “un ripasso” anche “in solitaria” dei luoghi visitati. In particolare i podcast realizzati da Roma2pass sono pubblicati su uno specifico canale “Roma2Pass” sul programma di travel Podcast  Loquis , mentre i video sono ancora in fase di elaborazione.

Questo nuovo sistema di conoscenza del territorio si è concretizzato con l’IC Sinopoli Ferrini e l’IC Via Volsinio per i quali Roma2pass ha elaborato un sistema basato su passeggiata/sopralluogo, podcast Loquis e Pro-memoria on line dei luoghi visitati.

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLE PASSEGGIATE 2022 Roma2pass

Il calendario 2022 Roma2pass è stato pubblicato.
L’elenco delle passeggiate è nella home page di www.roma2pass.it o sulla pagina PROSSIMI EVENTI.
Nelle prossime settimane il calendario sarà ulteriormente arricchito di appuntamenti.
Continuate a seguirci su questo sito.

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

Villa Glori

Villa Glori occupa uno dei quattro Monti Parioli, si tratta di un promontorio che si erge ad un’altezza di 56 metri sul livello del mare che domina la valle del Tevere. Quando l’ing. Vincenzo Glori acquistò questi terreni, a metà dell’800, l’altura era conosciuta come Rupe Boncompagni. Tra il medio-evo ed il rinascimento si chiamava Monte Caciarello e ancora prima Saxum Mollaricum. Il fulcro del parco attuale è il Piazzale dell’Altare che con la sua alta croce luminosa domina l’Auditorium, il Villaggio Olimpico, e la valle del Tevere e dialoga in lontananza con Monte Mario che si erge a quasi due chilometri di distanza aldilà  del fiume. Nella piazza del Mandorlo, che occupa il culmine del colle c’è il relitto del tronco del mandorlo sotto cui fu adagiato Enrico Cairoli morente mentre un’antica colonna di marmo di Pietrasanta messa lì nel 1885 commemora i garibaldini caduti nel 1867. E’ qui infatti, che nel pomeriggio del 23 ottobre del 1867, avvenne lo scontro a fuoco con i carabinieri pontifici che pose termine all’impresa dei Fratelli Cairoli e dei settanta patrioti garibaldini con la morte di Enrico Cairoli. La storia dell’impresa è stata raccontata in una lunga poesia in sonetti di Cesare Pascarella: “Villa Gloria”.

Tutto il parco è dedicato a caduti italiani ricordati da querce, pini, ippocastani, olmi, platani, robinie, olivi, in mezzo ai quali frotte di bambini corrono in bicicletta, giovani mamme sostano con i più piccoli in carrozzina e signori e signore in mutande corrono senza sosta.

Lungo il viale d’ingresso a destra è collocata una fontana con sarcofago, chiusa da anni con delle brutte transenne per il rischio di crollo della paretina sovrastante. Gli arredi e le attrezzature del parco, un chiosco bar, un recinto per i pony e i giochi, sono solo nel pianoro basso intorno al monumentale portale su viale Maresciallo Pilsudski, proveniente da qualche villa nobiliare distrutta.

In cima all’altura in fondo a viale dei Settanta, ci sono degli edifici di proprietà comunale, tra cui il Casale Cairoli a il Dispensario o Colonia Marchiafava, che dal 1988 ospitano alcune lodevoli iniziative della Caritas, come la Casa Famiglia di Villa Glori, nate dall’idea di ridare ad un parco la sua funzione di luogo della memoria collettiva e aggregazione e solidarietà sociale. Ancora per questo fine, nel 1997 sono state collocate nel parco diverse opere di artisti contemporanei ed è nato Il Parco di scultura di Villa Glori.

Pagine a livello inferiore:

Pagina al livello superiore:  no

Pagine correlate:

Nei dintorni (clicca su MAPPA per vedere i Punti di Interesse vicini):

  •  ...

In rete:

  • ...
CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

Ascolta Villa Ada con Loquis e Roma2pass

Camminando a Villa Ada è facile imbattersi in uno dei tanti edifici che punteggiano il parco. Cosa sia e perché stia lì non lo sappiamo, ed è inutile chiedere intorno perché non lo sa nessuno! E non è nemmeno agevole andarlo a leggere in una guida o su una mappa, visto che spesso non sappiamo di preciso nemmeno il punto in cui siamo!

Oggi il problema è risolto: a dirci quello che vogliamo sapere è Loquis, un’app gratuita (sia per cellulari iOS o Android) che ci racconta quello che c’è intorno a noi.  Loquis è la prima piattaforma geo-audio al mondo e ti aiuta a informarti sui luoghi che attraversi o che sono interno a te. “Vogliamo recuperare e restituire le storie dei luoghi vicini a noi, ignari di quanto questi luoghi hanno da raccontare», spiega Bruno Pellegrini, direttore della società romana GeoRadio che ha realizzato l’app.

A Villa Ada, grazie ai contenuti immessi da Roma2pass, Loquis diventa una guida che ci racconta aneddoti, storie e notizie legate ai luoghi della villa.    Continue reading

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

AMUSE per Open House 2022: Viale dei Parioli: il salotto di Roma Nord

Anche quest’anno come è ormai tradizione, AMUSE da’ il proprio contributo agli eventi di Open House. In questa edizione 2022, Open House ha indicato un “tema” di grandissimo interesse per chiunque abbia a cuore la storia dello sviluppo urbano Roma: “le Borgate Romane”.  Continue reading

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

Dalla Fontana dell’Acqua Acetosa a piazza Santiago del Cile

Con l’arrivo della primavera riprendono le Passeggiate di AMUSE guidate da Pietro Rossi Marcelli e Andrea Ventura. Per il giorno del Natale di Roma, giovedì 21 aprile 2022, Andrea Ventura intratterrà gli amici di AMUSE in una passeggiata dalla Fontana dell’Acqua Acetosa risalendo “a ritroso” viale dei Parioli fino a piazza Santiago del Cile.

Vai alla scheda dell’evento.

Questo percorso permetterà di conoscere non solo la storia della Fontana e della vicina Villa Glori, ma anche le vicende della trasformazione di questa porzione della “Campagna Romana” che nei secoli ha visto sfilare i sabini, i romani. i vedutisti rinascimentali e gli artisti di mezza Europa.

Infine tra la fine del XIX secolo alla metà del ‘900, questi luoghi hanno subito una drammatica mutazione: da romantico ambiente bucolico decantato da Goethe e illustrato dai pittori del “Grand Tour”, sono diventati il caotico centro della movida dei Parioli, con ristoranti, bar, ville e palazzine che hanno ospitato personaggi della “Dolce Vita” tra scandali, paparazzi, location cinematografiche ed esercizi di stile di grandi architetti romani.

Appuntamento alle 18,00 di giovedì 21 aprile 2022 davanti alla Fontana.

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

ROMA CURA ROMA Passeggiata Roma2pass “piazza Fiume e dintorni”

In occasione della manifestazione ROMA CURA ROMA, la giornata straordinaria di riappropriazione della città da parte dei cittadini promossa dal Comune di Roma, e in particolare nell’ambito dell’operazione di pulizia volontaria organizzata da piazza Fiume a via Valenzani, l’associazione AMUSE Amici del Municipio II propone ai propri soci e a tutti i cittadini la passeggiata Roma2pass “piazza Fiume e dintorni”.

La passeggiata è organizzata dal team Roma2Pass che, nell’ambito di AMUSE, si occupa delle iniziative di promozione culturale,

Durante la passeggiata Pietro Rossi Marcelli racconterà brevemente la storia dei luoghi. Si parlerà delle Mura Aureliane, degli assedi subiti da questo tratto di mura, da Alarico nel 410 d.C. ai Bersaglieri il 20 settembre del 1870,  di Ettore Ferrari, l’autore della statua di Giordano Bruno a Campo de’Fiori che aveva lo studio da questa parti, dello sviluppo urbano di Roma fuori le mura, a partire dai villini che sorgono lungo corso d’Italia al palazzo della Rinascente.

L’appuntamento è per sabato 9 aprile 2022 davanti all’ingresso della Rinascente di piazza Fiume dove c’è l’edicola, per le ore 11,00. La guida sarà Pietro Rossi Marcelli.

Vai alla pagina dell’evento.

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

Giovanna Alatri ci racconta la storia di due istituzioni sanitarie a viale Regina Margherita

Giovanna Alatri riapre la nuova stagione dei Racconti del Flaneur 2022 parlando di due veri e propri “pilastri” sanitari, istituzioni localizzate su viale Regina Margherita e legate a due personaggi importanti per lo sviluppo della sanità in Italia.  Continue reading

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

Loquis e Roma2pass raccontano il territorio del Municipio II

Camminando a Villa Ada è facile imbattersi in uno dei tanti edifici che punteggiano il parco. Cosa sia e perché stia lì non lo sappiamo ed è inutile chiedere intorno perché non lo sa nessuno! E non è agevole andarlo a leggere in una guida, visto che spesso non sappiamo nemmeno il punto in cui siamo!

Oggi il problema è risolto: a raccontarcelo è Loquis, un’app gratuita per telefonini iOS o Android, che ci racconta quello che c’è intorno a noi. Loquis è un navigatore che, grazie ai contenuti di Roma2pass, diventa una guida che ci racconta aneddoti, storie e notizie legate ai luoghi in cui siamo o che stiamo attraversando.

Loquis fa tutto da sola. Basta aprire l’app e, sulla mappa dell’area intorno a noi che compare sullo schermo, scegliere il punto che vogliamo approfondire. Loquis ce lo racconta e, se ci spostiamo, continua a raccontarci di altri punti di interesse intorno, senza che tocchiamo ancora lo schermo.

«Vogliamo recuperare e restituire le storie dei luoghi vicini a noi, ignari di quanto hanno da raccontare», spiega Bruno Pellegrini, direttore della società romana GeoRadio che ha realizzato l’app.

«Roma2pass, ha deciso di offrire in audio le pagine della sua banca dati, partendo da Villa Ada» aggiunge Pietro Rossi Marcelli, dell’associazione AMUSE, responsabile del programma per la diffusione della conoscenza del territorio del Municipio II.

«Oggi a Villa Ada, mentre camminiamo dall’ingresso di via Salaria sulla strada del parco che porta giù al Bunker, grazie a Roma2pass e Loquis, possiamo avere il nostro telefonino che snocciola informazioni su tutti i “punti di interesse” che incontriamo: la Palazzina Reale con la Torre Gotica, il Casino Pallavicini, il Tempio di Flora, il Giardino Segreto della Regina Elena, la Rotonda e così via».

Buone passeggiate per le strade e i parchi del Municipio II di Roma con Roma2pass e Loquis.

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

R2p news: “Gli oleandri in fiore” di Maria Grazia Toniolo

Questa volta, nei Racconti del Flâneur si parla di fiori, di fiori velenosi!

In questi giorni, le strade di Roma sono un trionfo di fiori di oleandro, una pianta allegra e terribile che nel giugno del 1849 difense Roma meglio di un battaglione armato! Durante l’assedio francese del Generale Oudinot contro la Repubblica Romana infatti, una sera, un contingente di zuavi francesi decide di arrostire le salsicce della loro razione: ma sono a corto di spiedi. Perchè allora non utilizzare i rami dritti e robusti di quei bei cespugli fioriti che in Francia non si trovano? Ma il grasso di maiale, mescolato con la micidiale oleandrina, ha effetti gastrointestinali (causando vomito, diarrea e convulsioni) e, ancora peggio, cardiaci (causando aritmia e arresto cardiaco). La cena degli zuavi finisce con venti morti e circa duecento intossicati: un anomalo caso di guerra tossicologica!

Nel suo racconto “Gli Oleandri in Fiore”, Maria Grazia Toniolo ci parla invece del trionfo di allegria e di bellezza che gli oleandri portano nel paesaggio romano e di tutto il Mediterraneo.

Leggi il racconto “Gli Oleandri in Fiore” di Maria Grazia Toniolo.

Per leggere i “I Racconti del Flâneur Roma2pass” già pubblicati cliccare qui.

CONDIVIDI QUESTA PAGINA: