Circoli Canottieri

Nel Municipio II sono numerosi i circoli sportivi in cui si pratica il canottaggio sul Tevere. Quell’enorme opera che a fine Ottocento separa la città  dal suo fiume, i muraglioni del Tevere e gli argini di terra a monte di Ponte Risorgimento, non impediscono a numerosi romani di continuare a frequentarlo. Sono chiamati fiumaroli. Anche nobili e borghesi non disdegnano di trascorrere il tempo libero sul fiume. Nel 1867 alcuni membri della Società Ginnastica Serny in gita sul fiume a bordo di un vecchio pattino, a causa delle loro maglie rosse sono scambiati per garibaldini e presi a schioppettate dalle sentinelle pontificie a Ponte Sant’Angelo. Grazie ai circoli, negli anni Settanta dell’Ottocento il nuoto e il canottaggio sono state una le prime discipline sportive moderne praticate nella città . Da allora inizia l’insediamento dei circoli di canottieri si sviluppa lungo la riva sinistra a monte di Ripetta. Nel 1897 esistono quattro club dediti alla voga sportiva. Il più prestigioso era il Reale Club Canottieri del Tevere, filiazione del Serny, con un galleggiante a fiume e uno chalet a due piani sulla poetica passeggiata di Ripetta. I circoli canottieri oggi operanti nel Municipio II sono:

Lungo il fiume, a partire dal ventennio fascista, ai circoli canottieri si aggiungono i circoli del dopolavoro riservati a dipendenti di Ministeri e altre organizzazioni pubbliche. Tra di essi citiamo il Circolo Ufficiali Marina Militare in lungotevere Flaminio, il Circolo Ministero degli Esteri in lungotevere Thaon di Revel.

Pagine al livello inferiore:

Pagina al livello superiore: Tevere

Pagine allo stesso livello:

 

 Altre pagine correlate

Il Flaminio e il fiume, Spiagge al Flaminio,

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

I commenti sono chiusi.