Risultati della ricerca per: morgagni

Via Giovanni Battista Morgagni

Via Giovanni Battista Morgagni è una grande strada del quartiere Nomentano che fa parte dell’asse viale del Policlinico, via Catania che da Porta Pia scende alla via Tiburtina.

Continue reading

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

Grazia Deledda

Grazia Deledda  (Nuoro 1871 – Roma 1936) è stata una scrittrice italiana, vincitrice del Premio Nobel per la letteratura 1926.  È stata la seconda donna a ricevere il premio in questa disciplina e l’unica italiana.  Continue reading

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

Testo da inserire in fondo ad ogni pagina

Pagine al livello inferiore:

Pagina al livello superiore:

 

Pagine allo stesso livello:

Pagine correlate:

Nei dintorni (per individuare i Punti di Interesse vicini, esplora le "Pagine al livello inferiore" e le "Pagine allo stesso livello" e clicca su MAPPA ):

In rete:  ...

Bibliografia essenziale:  ...

Pagine al livello inferiore:

Pagina al livello superiore:

Pie di pagina

Pagine allo stesso livello:

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

Pie di pagina

Questa pagina presenta lo schema dei contenuti che devono essere inseriti al termine di una pagina Roma2pass ed è utile per costruire nuove pagine nel rispetto delle regole generali.

Continue reading

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

Due palazzi fascisti nell’area di piazza Bologna

Nell’area di piazza Bologna sorgono due edifici pubblici realizzati nel perioda fascista profondamente diversi tra di loro: Palazzo delle Poste di piazza Bologna e il palazzo sede del Dopolavoro Ferroviario a via Bari.

Il palazzo sede del Dopolavoro Ferroviario, quando fu realizzato nel 1926, fu uno fra i più interessanti interventi di architettura della nuova zona di piazza Bologna e l’edificio costituì, all’epoca, un richiamo anche per gli abitanti di altre zone della città.

Paragonandolo al vicino Palazzo delle Poste di piazza Bologna più giovane di circa dieci anni, il palazzo di via Bari mostra, però, una marcata differenza sull’interpretazione formale delle costruzioni di pubblica utilità: la semplicità delle possenti linee del palazzo postale si contrappone al decorativismo simbolico del complesso del Dopolavoro.  Il passaggio dallo stile architettonico storicista a quello razionalista sembra sottolineare, da parte del regime, un’avvenuta presa di coscienza delle proprie forze e del proprio linguaggio rappresentativo che non necessita più di metafore.

I due edifici rappresentano quindi due momenti differenti del fascismo.  Il Dopolavoro Ferroviario, legato ancora a una matrice linguistica tradizionale diffusa negli anni immediatamente successivi al primo dopoguerra, utilizza stilemi aulici, liberty e naturalistici, come a voler sottolineare il legame del fascismo con la grande storia del passato.  Il Palazzo delle Poste invece, costruito negli anni del consenso quando il fascismo si esprimeva ormai con riconoscibile tratto distintivo, è espressione della cultura e dell’architettura moderna.

Fonte Archidiap

Pagine al livello inferiore:

Pagina al livello superiore:

Palazzo delle Poste di piazza Bologna

Pagine allo stesso livello:

CONDIVIDI QUESTA PAGINA: