Zona Flaminio 1

La zona Flaminio 1  (da Porta del Popolo a Belle Arti) è la parte più antica del quartiere Flaminio, che gravita sul tratto iniziale di via Flaminia, da Porta del Popolo fino all’incrocio con viale delle Belle Arti, con ai lati il Tevere e la parete tufacea verso Villa Borghese. Fa parte di questa zona anche il versante collinare tra via Flaminia e Villa Borghese, con Villa Strohl Fern, il Borghetto Flaminio, Villa Poniatowski, ecc.

Per consultare le pagine della Banca Dati relative a questa zona, clicca qui. Per trovare i Punti di Interesse di questa zona, clicca sulla MAPPA FLAMINIO 1.

La zona Roma2pass Flaminio 1 è l’area che per secoli è stata genericamente indicata come “fuori Porta del Popolo” mentre, con la definizione dei quartieri hanno deciso di dividere in due: il quartiere Flaminio a sinistra della via Flaminia (fino al Tevere) e il quartiere Pinciano (verso Villa Borghese).

Questa parte della città nasce con il Piano Regolatore del 1883, primo piano a che norma aree fuori del perimetro delle mura, che sancisce l’eliminazione di una serie di antiche ville, in molti casi già fatiscenti e trasformate in disordinati insediamenti artigianali e industriali lungo la via Flaminia, per far posto ad abitazioni. La scacchiera regolare formata da isolati di case a blocco e palazzine compresi tra via Flaminia e il fiume danno l’immagine di un quartiere borghese.

In figura, una foto area scattata intorno al 1920  in cui si vede tutta l’area tra la via Flaminia e il Tevere, da Porta del Popolo a Belle Arti. In fondo si vede anche Ponte Risorgimento e, dall’altra parte del Tevere, dei capannoni dove ora sorge il Convitto Nazionale. Lungo il fiume prima del ponte, c’è la torre del vecchio gazometro poi il cantiere di Palazzo Marina e, sulla sinistra, si vede il villino Caproni, mentre non sono stati costruiti molti dei palazzi oggi esistenti, tra cui quelli dell’arch. Gra a piazzale Belle Arti e a piazzale Marina. Lungo via Flaminia diversi stabilimenti industriali, tra cui la fonderia Barucci che occupava l’area oggi occupata dal giardino del Palazzo. In evidenza le due palazzine su via Luisa di Savoia demolite per far posto al moderno palazzo della Banca Popolare di Milano. In primo piano, infine, la Caserma di Piazza del Popolo e la piazza con la cupola di Santa Maria dei Miracoli.

Gli assi viari della zona sono via Flaminia e i viali lungo il Tevere: lungotevere Arnaldo da Brescia e lungotevere delle Navi. La maggior parte dei nomi delle strade sono quelli di giuristi italiani. CAP 00196.

Confini dalla zona sono: piazzale Flaminio, via Luisa di Savoia, lungotevere Arnaldo da Brescia, lungotevere delle Navi, piazzale delle Belle Arti, viale delle Belle Arti, piazza di Villa Giulia, il confine (non accessibile) tra Villa Giulia e Villa Strohl Fern, il confine (non accessibile) tra le accademie di via Omero e villa Strohl Fern, il muro di cinta di villa Strohl Fern verso Villa Borghese, viale Madama Letizia, via degli Orti Giustiniani, via di Villa Ruffo, piazzale Flaminio.

Zone e Municipi confinanti: Municipio I (rione Campo Marzio, rione Prati e quartiere Delle Vittorie), zona via Luisa di Savoia, zona Zona Pinciano 6 (Monti Parioli), zona Zona Pinciano 5 (da Villa Taverna a Villa Giulia), zona Zona Pinciano 2 (Villa Borghese e il Pincio).

Altre pagine correlate:

Parrocchie della zona sono Santa Maria del Popolo e Sant’Eugenio.

I commenti sono chiusi.