“Due istituzioni sanitarie a viale Regina Margherita” di Giovanna Alatri

Guido Baccelli (1830 – 1916)

Nel 1888, nell’ambito di una necessaria, auspicata ma tardiva Riforma sanitaria del nostro paese, dietro  impulso del ministro Guido Baccelli ebbe inizio a Roma la  costruzione del Policlinico Umberto I, su progetto dell’architetto Giulio Podesti autore di altre importanti opere nella capitale; i  lavori, durati a lungo a causa delle consuete difficoltà economiche dell’amministrazione comunale, si conclusero  nel 1903 e il Policlinico venne solennemente inaugurato alla presenza del Re Vittorio Emanuele III, il giovanissimo erede di Umberto I a cui l’ospedale era stato intitolato, della Regina madre Margherita di Savoia e di numerose personalità del mondo politico e accademico. (nota 1).

Al tempo, l’assistenza ai ricoverati nei diversi e attrezzatissimi nuovi padiglioni, come da tradizione della Roma papalina  era affidata alle suore, le uniche ad avere ricevuto una base di preparazione per svolgere tale compito, ma che  proprio per la loro particolare condizione presentava gravi limiti;   parve dunque opportuno creare finalmente nella Capitale d’Italia una scuola modello per infermiere laiche, come era già avvenuto in Inghilterra. 

Anna Fraentzel Celli (1878 – 1958)

Un primo tentativo  in tal senso era stato compiuto da Anna Fraentzel Celli, moglie del malariologo Angelo Celli, che basandosi sulla propria esperienza, avendo già contribuito nel 1901  all’avvio di una “Scuola per l’assistenza agli infermi sotto l’alta direzione  del prof. Angelo Celli”, al I Congresso delle Donne Italiane del 1908 era intervenuta su questo tema, ripreso poi in due articoli, per sostenere la necessità di una severa preparazione per la professione infermieristica (nota 2).  A suo avviso, questo impiego  era adatto alle donne in quanto dotate di  pazienza, pietà e carità, ma richiedeva tuttavia una assoluta libertà da altri impegni e quindi non si addiceva alle suore “… perché essendo costrette dalle regole monastiche ad alzarsi prestissimo al mattino, a passare molto tempo in chiesa, a digiunare e a lavorare anche nelle ore di riposo, arrivavano troppo stanche al capezzale degli infermi ai quali si limitavano a distribuire il cibo e i medicinali lasciando il resto delle cure e dei servizi più umili al personale laico …”. Secondo lei non era neanche consigliabile alle donne con famiglia poiché gravate da troppi impegni: “Può – domandava – una donna che ha figli dare tutta  la migliore parte di sé ai malati affidati alle sue cure? Può una donna ai suoi doveri di madre unire quelli di una buona infermiera?” (nota 3).

Al di là delle immancabili polemiche suscitate dalle affermazioni della Celli, il suo corso per infermiere pur essendo di ottimo livello non ebbe successo duraturo ma servì a dare seguito a una più fortunata iniziativa presa dalla principessa Emily Doria e dalla  marchesa Maria Maraini Gonzaga, con il fondamentale sostegno delle due regine Margherita e di Elena di Savoia, per creare  a Roma una Scuola-Convitto per infermiere.

La Scuola fu costruita all’interno del Policlinico Umberto I  e il primo corso professionale si svolse nel 1910: il personale diplomato fu di grande aiuto alla Croce Rossa durante la prima guerra mondiale, ma nel tempo la Scuola incontrò gravi difficoltà economiche, che furono in parte risolte nel 1922 quando,  eretta in Ente morale,  ottenne gli aiuti governativi. In seguito la Scuola fu soppressa. (nota 4)

George Eastman (1854 – 1932)

A viale Regina Margherita nel 1933 venne inaugurata un’altra eccellenza sanitaria: l’Istituto odontoiatrico infantile intitolato a George Eastman, il filantropo americano che l’aveva voluto e finanziato;   Eastaman, industriale di grande successo, legò il suo nome alla fondazione di Cliniche in vari Paesi convinto che fosse “…la più saggia spesa che si possa mai fare”. 

A Roma  finanziò  la costruzione nei  pressi del Policlinico della Clinica Odontoiatrica infantile allo scopo “di fondare in Roma un centro dimostrativo in grado non solo di migliorare la dentatura di tutti i bambini poveri  fino all’età di 16 anni…”, ma anche di provvedere alla preparazione professionale specialistica di medici e infermieri.

Il grandioso edificio  fu progettato dall’architetto Arnaldo Foschini che per la sua realizzazione utilizzò materiali e vetrate di pregio, dotò l’istituto di attrezzature tecniche all’avanguardia e si avvalse per gli abbellimenti, gli arredi  e le decorazioni dei  diversi locali della collaborazione di numerosi artisti di talento: Duilio Cambellotti ebbe l’incarico di allestire la Sala del Consiglio,  a Paolo Paschetto venne affidata la decorazione pittorica della Sala d’attesa dei bambini e a Nicolai, Vighi, Monteleone, Melandri altre opere  plastiche, un bassorilievo in bronzo di Ermenegildo Luppi impreziosiva l’accesso all’Aula Magna, mentre Vittorio Grassi ebbe il compito di decorare la Cappella e Maria Biseo quello di abbellire le pareti del refettorio delle suore. Nel vestibolo, in cui erano state sistemate alcune gabbie con uccelli per divertire i bambini,  figurava il busto di George Eastmann eseguito dalla scultrice Fausta Mengarini; nel 1933 in occasione della solenne inaugurazione del nuovo Istituto il pittore calabrese Andrea Alfano donò all’Istituto il ritratto che aveva fatto alla regina Elena di Savoia. (nota 5)

Arnaldo Foschini (1884 – 1968)

L’Istituto George Eastman, pur avendo perso nel tempo alcune  delle sue parti artistiche più rilevanti, ancora oggi, come allora, costituisce una clinica specialistica all’avanguardia, non solo per l’infanzia, e anche la sede qualificata di corsi universitari di perfezionamento in odontoiatria  per medici.

(nota 1) Cfr., Silvio Massinetti, Piero Bartolucci, Il Policlinico Umberto I di Roma nella Storia dello Stato unitario, Roma, Istituto Poligrafico dello Stato, 2012

(nota 2) Cfr. Atti del I Congresso delle Donne Italiane, Roma 24-30 aprile 1908, Roma, Società Editrice Laziale, 1912

(nota 3) Cfr. Anna Celli, “Per la scuola infermiere”, Nuova Antologia, 1° ottobre 1908, p. 484; Anna Celli, “Scuola per signorine infermiere a Roma”, in Unione Femminile Nazionale, 1° luglio 1908; Piero Bertolini, “Per la Riforma dell’Assistenza Ospitaliera”, Nuova Antologia, 16 marzo 1916, pp., 208-235

(nota 4) Cfr., Elena Palazzo, Dorotea Snell e la Riforma dell’Assistenza Ospedaliera in Italia, Messina-Roma, Ediz. A-ELLE-D, 1959

(nota 5)  Cfr., “L’Istituto G. Eastmann a Roma”, in Rassegna di Architettura, Milano, N. 6, 15 giugno 1933, pp. 260-266; N.d.R., “Istituto Superiore di Odontoiatria Giorgio Eastman”, in Architettura, Milano, Fasc. VI, Giugno 1933, pp. 337-356

Pagine al livello inferiore:

Pagina al livello superiore: Racconti

Pagine allo stesso livello:

Altre pagine correlate:

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

“Gli oleandri in fiore” di Maria Grazia Toniolo

A metà giugno a Roma , come in tutta l’area compresa tra il Mediterraneo e il Medioriente da Lisbona al Mar Nero, c’è un’esplosione di fiori bianchi, rosa, magenta, porpora, salmone, rame, crema, arancio: sono i soliti malvisti antipatici oleandri che tentano di farsi perdonare la loro fama ambigua con un fuoco d’artificio di colori che durerà per 4/5 mesi.  Continue reading

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

“Fra cannoni e osterie” di Armando Bussi

Non tutti sanno che Porta Pia sostituisce una più antica porta romana, dalla quale usciva, con un tracciato leggermente diverso dall’attuale, la via Nomentana. Tale porta, anch’essa chiamata porta Nomentana, era stata realizzata nelle mura edificate sotto l’Imperatore Aureliano tra il 270 ed il 275 d.C. e  venne murata 15 secoli dopo (nella foto) sotto Papa Pio IV. Fu infatti tale Pontefice che fece costruire – circa 80 metri più a ovest, fra il 1561 e il 1564 – la Porta che da lui prese il nome, progettata da Michelangelo Buonarroti in modo tale da risultare in asse, da una parte, con la nuova Strada Pia (attuale via XX Settembre); dall’altra, con un differente percorso della via Nomentana; così si creò un unico rettifilo, dal Quirinale fin quasi al complesso della Basilica di Sant’Agnese. Continue reading

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

“Quando a Villa Glori  c’era una colonia …” di Giovanna Alatri

L’assistenza sanitaria all’infanzia a Roma Il 1900, definito “Il Secolo dei fanciulli” da Hellen Key, la scrittrice e femminista svedese che, come Maria Montessori, aveva posto “il bambino” al centro dell’attenzione, non solo dal punto di vista dell’educazione ma anche da quello sociale e igienico-sanitario, ha rappresentato il periodo storico di avvio di un profondo cambiamento nei confronti dell’infanzia. (a destra Hellen Key ritratta da Hanna Pauli) (Nota n.1)   Continue reading

CONDIVIDI QUESTA PAGINA: