Trattoria Il ritrovo degli amici

Sulla via Nomentana a sinistra, davanti villa Torlonia, all’angolo con via Zara, opposto a quello dove già sorgeva il grande fabbricato Tossini del 1887 tuttora esistente, vi era un villino a due piani del 1891, con giardino. Qui, il proprietario Gaetano Panà, titolare di un esercizio di drogheria in via Nazionale, aveva aperto la trattoria “Il ritrovo degli amici”. Un’accogliente denominazione che non porta fortuna perchè, dopo qualche anno passa a un nuovo gestore che la chiama Trattoria al Montenegro e poi chiude definitivamente.

Continue reading

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

Osterie

Pagine della Banca Dati che parlano di questo argomento

Bibliografia:

  • Cav. Alessandro Rufini, Notizie storiche intorno alla origine dei nomi di alcune Osterie, Caffè, Alberghi e Locande esistenti nella Città di Roma, 1855,
  • Hans Bank, Osteria. Guida spirituale delle osterie italiane da Verona a Capri, 1910,
  • Umberto Gnoli, Alberghi ed osterie di Roma nella Rinascenza, 1942,
  • Leone Gessi, “Soste del bongustaio, 1957,
  • Livio Jannattoni “il ghiottone romano”, 1965, ristampato nel 1977 coi nuovo titolo Osterie e feste romane,
  • Livio Jannattoni, Osteria romana, 1970,
  • Livio Jannattoni, Osterie della vita e dell’amore, 1972,
  • Livio Jannattoni, Roma tavola, 1975

Pagine al livello inferiore:

Pagina al livello superiore: TAG

Pagine allo stesso livello:

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

Forte Adigrat

Nella collezione della Galleria nazionale c’è un piccolo quadro di … dal titolo “Osteria a Monte Parioli”. In primo piano una serie di tavole e pancheper sedersi illuminate da una luce che sembra dal sole, ma un sole pallido come fosse la luna, e in fondo il cupolone. Mi piace pensare che sia Forte Adigrat, l’ultima osteria fuori porta che è rimasta aperta da quelle parti fino agli anni Quaranta del Novecento.

MAPPA della Zona Pinciano 6 (Monti Parioli)

Il Forte Adigrat è l’ultimo nome di una osteria che dall’Ottocento era lungo il vicolo dell’Arco Oscuro, approssimativamente dove oggi è piazzale Don Minzoni.

Sul dosso di vicolo dell’Arco Oscuro, dove iniziava la discesa verso l’Acqua Acetosa, c’era un quadrivio in cui due diverticoli. Quello di desta verso il vicolo delle Tre Madonne. Quello di sinistra verso vigna Capponi e la proprietà oggi nota come Villa Balestra. Su questo incrocio, a sinistra, c’era un’osteria campestre che negli ultimi anni si è chiamata del Forte Adigrat, come testimoniano delle foto degli anni Trenta.

Di questa osteria ci parla Orio Vergani (Milano 1998-1960), figura storica del giornalismo italiano, e Libero Biglaretti, poeta e scrittore (Matelica 1905- Roma 1993), che scrive in un articolo de Il Messaggero del 1943 con il titolo “Domenica al Forte Adigrat”: “Un’osteria campestre, come ce ne erano tante: con l’arco e il cancello di legno, l’incannucciata perimetrale, i tralicci e i pergolati, tra i quali, filtrando, si ammansivano i raggi d’agosto.”

Pagine Roma2pass relative allo stesso tipo
Pagine Roma2pass nella stessa zona
Pagine Roma2pass relative allo stesso periodo
Pagine Roma2pass relative alla stessa materia

 

CONDIVIDI QUESTA PAGINA: