Monumento a Van der Capellen

Il monumento allo statista olandese Van der Capellen è un’opera conservata nel Deposito delle Sculture del Museo Canonica a Villa Borghese.

MAPPA della Zona Pinciano 2 (Villa Borghese e il Pincio Continue reading

Leone dei bambini

Tra le sculture e reperti più o meno antichi che arredavano il giardino ricordiamo un grande leone di marmo che stinge tra le zampe delle frecce.

realizzato in onore di un giurista olandese Jan var der Capellen, 

San Pietro e san Paolo

Sul lato esterno di Porta del Popolo, i lati del fornice centrale, ci sono San Pietro e San Paolo che fanno la guardia. Ognuno ha il proprio segno distintivo: Pietro ha in mano le chiavi con cui si accede al Regno Celeste, Paolo la spada per difenderlo.

MAPPA della Zona Flaminio 1 (da Porta del Popolo a Belle Arti)

Le due statue in marmo, alte tre metri, sono opera dallo scultore barocco Francesco Mochi, che le aveva realizzate nel 1638 per la San Paolo fuori le mura. In particolare, dovevano affiancare il ciborio di Arnolfo di Cambio nella basilica di via Ostiense. Ma non erano piaciute all’abate e ai frati di San Paolo che le avevano rifiutate senza riconoscere all’autore alcun compenso.

Nel 1658, con i lavori seicenteschi per la realizzazione della facciata interna della porta, papa Alessandro VII Chigi, che fa collocare San Pietro e San Paolo dove li vediamo oggi, a Porta del Popolo tra le due coppie di colonne provenienti dalla vecchia basilica di San Pietro, come simbolo d’accoglienza dei pellegrini in arrivo a Roma.

In realtà quelle due statue che sembrano far la guardia alla porta e Pasquino, pochi giorni dopo del loro arrivo, lasciò il segno: sui loro basamenti comparvero due scritte. “Qui dentro si fanno buone leggi” era scritto sotto la statua di San Pietro che, in realtà, con un’espressione molto seria indica con la mano l’ingresso a Roma. “Ma è solo fuori che si rispettano!” c’era scritto sotto la statua di San Paolo che, in effetti, con un’espressione sconsolata, indica l’esterno della città.

Concludiamo dicendo che le due grandi statue che vediamo oggi a Porta del Popolo sono delle copie, realizzate dagli italiani in occasione della realizzazione della grande porta a tre fornici e messe lì per salvaguardare gli originali dall’attacco degli agenti atmosferici. Gli originali sono, anzi erano fino al 2016, a palazzo Braschi a piazza Navona. Quell’anno infatti, con un ritardo di circa 400 anni, i due colossi del Mochi sono finalmente arrivati nella basilica di San Paolo fuori le Mura dove è possibile ammirarli.

Pagina a livello superiore: Porta del Popolo

Pagine allo stesso livello:

Statua di San Giovanni Nepomuceno

Arrivando a Ponte Milvio dal quartiere Flaminio ci sono due statue di marmo. Quella di destra, la più antica, rappresenta San Giovanni Nepomuceno.

MAPPA della Zona Flaminio 3 (da via Guido Reni a Ponte Milvio)   Continue reading

Monumento a Umberto I

Il Monumento a Umberto I a Villa Borghese è nel viale della Pineta.

MAPPA della Zona Pinciano 2 (Villa Borghese e il Pincio Continue reading

Statue

Pagine della Banca Dati relative a questo tipo di soggetto.

Ingressi di Villa Borghese

Gli ingressi di Villa Borghese ci conducono all’interno di una storia appassionante, nei quattro secoli di vita della villa, dal Seicento ad oggi. Soffermarci su ognuno di essi significa interrogarci sulle trasformazioni avvenute nel corso del tempo e immaginare i luoghi dove gli ospiti della villa potevano entrare, che significato questo avesse per loro, in quali paesaggi si trovassero immersi. Continue reading

Statue di testa a Ponte Milvio

da fare

zona Flaminio 3

Busti del Pincio

Una delle curiosità romane è la presenza, tra i viali del Pincio, dei busti di 245 italiani illustri di tutti i tempi. Continue reading

Fontana dell’Alca Impenne

All’esterno del Museo Civico di Zoologia,  in via Ulisse Aldrovandi 18, si fa notare una scultura in bronzo, alta circa 2 metri su piedistallo marmoreo. E’ la fontana dell’Alca Impenne. Continue reading