Risultati della ricerca per: Scipione Borghese

Epigrafe che apre Villa Borghese

L’epigrafe che apre Villa Borghese. Progetto estetico inciso nel marmo

L’Osservatore Romano Quotidiano del 17-7-2014

Da qualche giorno è collocata nel salone d’ingresso della Galleria Borghese, prestata dai Musei Vaticani per una esposizione per ora temporanea, una iscrizione latina di particolare interesse.  Continue reading

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

DA VILLA BORGHESE A VILLA GIULIA: UN PERCORSO NEL PARCO DELLA CULTURA

12 Mar

DA VILLA BORGHESE A VILLA GIULIA: UN PERCORSO NEL PARCO DELLA CULTURA

Conferenza di Alberta Campitelli sul "Parco della cultura", un eccezionale concentrazione di verde, di arte, di storia tra Villa Giulia, realizzata a metà Cinquecento da [...]
CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

Fontane di Villa Borghese

Le fontane di Villa Borghese sono costruite tra l’inizio del XVII e gli inizi del XX secolo e si dividono in vari tipi:

  • fontane usate come decorazione,
  • fontane usate come punto di sosta e refrigerio e
  • fontane minori come elementi naturali.

Continue reading

CONDIVIDI QUESTA PAGINA:

Palazzo Borghese. Descrizione

Esterno

La facciata principale del Palazzo Borghese è su largo della Fontanella di Borghese, con un maestoso portale tra due colonne sulle quali poggia un ampio balcone con finestra sormontata da un gran timpano triangolare ed è composta di tre piani più due ammezzati. Le finestre del piano nobile presentano timpani triangolari e centinati alternati.

Dal portale si intravede il vasto cortile interno, uno dei cortili più spettacolari al mondo, circondato da due ordini di arcate sorrette da 96 colonne doriche e ioniche. In fondo, si intravede il “giardino segreto” del palazzo.

L’ala occidentale del palazzo si affaccia su via di Ripetta, in vista del Tevere ed ha una piccola facciata a due piani, che merita il nome di “tastiera del cembalo”, con un balconcino.

Sulla piazza Borghese prospetta la facciata secondaria, anch’essa con maestoso portale sormontato da un balcone e dal grande stemma di famiglia. Questo tratto, denominato “manica lunga”, è composto da 24 finestre che ripetono le linee architettoniche della facciata principale.

Fronteggia la facciata, sull’altro lato della piazza, il palazzo cinquecentesco costruito dal cardinale Scipione Borghese e destinato alla “Famiglia”, ovvero alla servitù e occasionalmente anche ai parenti, nonché alle scuderie. Progettato da Antonio De Baptistis, l’edificio mostra al centro della facciata l’enorme stemma dei Borghese; tre i portali ad arco bugnati, intervallati da ingressi di negozi corrispondenti alle ex scuderie.

Interno

DA FARE

 

CONDIVIDI QUESTA PAGINA: